Affitti tornano ad aumentare in maggio

ATS

3.6.2020 - 12:14

Anche il numero degli annunci pubblicati su Immoscout24.ch è tornato a salire, a circa 20'000.
Source: Keystone/SALVATORE DI NOLFI

A causa dell'epidemia di coronavirus i nuovi locatari svizzeri hanno approfittato brevemente di una diminuzione degli affitti. Ma dopo la flessione di aprile (-0,7% rispetto a marzo) sono tornati a salire in maggio, dello 0,5%.

Stando allo Swiss Real Estate Offer Index calcolato dal portale di inserzioni Immoscout24 e dalla società di consulenza IAZI, rispetto a maggio 2019 i prezzi degli appartamenti in affitto proposti erano invece inferiori dello 0,8%.

Anche il numero degli annunci pubblicati sulla piattaforma è tornato a salire, a circa 20'000, una cifra pari a quelle prima dell'epidemia. In marzo ed aprile erano calati a circa 17'000. Ciò significa che l'incertezza sul mercato delle abitazioni in affitto sta già diminuendo, si legge in un comunicato diffuso oggi.

Ciononostante potrebbero sussistere conseguenze a lungo termine: «a seconda dell'andamento del mercato del lavoro e dell'immigrazione, una 'seconda ondata' di natura economica potrebbe far scendere i prezzi su vasta scala», afferma il direttore di Immoscout24 Martin Waeber citato nella nota.

Anche i prezzi di vendita delle case unifamiliari sono tornati a salire (+0,8%) il mese scorso dopo la contrazione di aprile. Per quanto riguarda gli appartamenti di proprietà (-0,6%) risulta per contro il primo calo del 2020. Su base annua vi è però stato un rincaro per entrambe le categorie: +2,4 e +1,4%.

Indice Homegate.ch ha invece stagnato

Secondo il portale di annunci Homegate.ch i prezzi delle abitazioni offerte in locazione hanno stagnato in maggio rispetto ad aprile. Il relativo indice è rimasto fermo a 114,5 punti, indica un comunicato odierno. Allora diminuiti erano scesi dello 0,09%, il primo calo dopo tre mesi. Nel confronto con maggio 2019 sono invece saliti dello 0,8%.

Su base mensile la contrazione maggiore è stata registrata a Ginevra (-1,15%), mentre il rincaro più marcato si è avuto a Zugo (+2,31%). In Ticino la variazione è stata di -0,19% rispetto ad aprile e di -0,48% rispetto a un anno prima, mentre per i Grigioni risulta rispettivamente un -0,39% e un +0,10%.

Tornare alla home page