La Borsa svizzera chiude in leggera crescita

mp, ats

27.11.2020 - 18:09

La Borsa svizzera ha concluso le contrattazioni in lieve crescita
SDA

Dopo una giornata trascorsa quasi tutta in territorio negativo la Borsa svizzera si è ripresa nel finale terminando al di sopra della parità. In chiusura l'indice dei titoli guida SMI ha guadagnato lo 0,03% a 10'501,18 punti, quello allargato SPI lo 0,15% a 13'040,78.

Gli investitori guardano con cauto ottimismo agli sviluppi delle sperimentazioni sui vaccini contro il coronavirus. Restano tuttavia i timori sull'andamento dell'economia globale, in attesa dell'arrivo dei piani di stimolo alla crescita. L'apertura positiva di Wall Street, dopo la chiusura di ieri per il giorno del Ringraziamento, ha influito positivamente sulle principali piazze europee.

A Zurigo, non hanno sostenuto il mercato i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,04% a 102,34 franchi) e Novartis (-0,25% a 81,06 franchi) e Roche (-0,20% a 302,50 franchi). Più tonici hanno chiuso i bancari: UBS ha guadagnato lo 0,19% (a 13,16 franchi) e Credit Suisse lo 0,51% (a 11,71 franchi). Stamane l'Assemblea del numero due bancario elvetico ha deciso che gli azionisti riceveranno la seconda tranche del dividendo del 2019 pari a 0,1388 franchi per azione prelevata sulle riserve del capitale.

Non hanno avuto un orientamento unitario i valori particolarmente sensibili alla congiuntura come ABB (-0,04% a 24,15 franchi), LafargeHolcim (-0,56% a 47,90 franchi), Sika (+1,14% a 230,60 franchi) e Geberit (invariato a 543,20 franchi). Nel segmento del lusso sia Richemont (-0,29% a 76,78 franchi) che Swatch (-1,12% a 229,40 franchi) hanno chiuso in arretramento.

In chiaroscuro hanno terminato gli assicurativi: Swiss Life (+0,07% a 409,10 franchi), Swiss Re (-0,43% a 83,74 franchi) e Zurich Insurance (-0,08% a 372,30 franchi).

Il vincitore di giornata si è rivelato Givaudan (+1,15% a 3'644,46 franchi).

Tornare alla home page

mp, ats