Borsa svizzera: chiude in rialzo

ATS

3.2.2020 - 17:48

La borsa svizzera avvia la settimana con una seduta in rialzo. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 10'664,95 punti, in progressione dello 0,35% rispetto a venerdì. Anche il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,35%, a 12'916,30 punti.

Il tema del momento è rimasto il coronavirus e le conseguenze che potrà avere sulla congiuntura mondiale. Oggi le piazze cinesi, chiuse dal 23 gennaio, sono tornate ad essere attive, subendo pesanti perdite; la banca centrale di Pechino è comunque intervenuta immettendo liquidità.

Il mercato elvetico ha assunto un atteggiamento prudente e il nervosismo è sembrato diminuire: l'indice di volatilità VSMI è sceso del 3%. Nuova linfa è poi giunta con l'apertura positiva di Wall Street.

A livello di singoli titoli è salita di tono Nestlé (+0,56% a 106,98 franchi), mentre hanno soprattutto inizialmente faticato a tenere il passo gli altri due pesi massimi difensivi, Novartis (+0,31% a 91,45 franchi) e Roche (+0,28% a 325,20 franchi).

Non particolarmente ispirati sono apparsi i bancari UBS (-0,08% a 11,99 franchi) e Credit Suisse (-0,29% a 12,18 franchi), mentre fra gli assicurativi Zurich (+0,77% a 403,80 franchi) e Swiss Life (+0,72% a 488,90 franchi) si sono fatte preferire a Swiss Re (+0,14% a 109,15 franchi).

Bene orientata si è rivelata la gran parte dei valori più sensibili ai cicli economici come ABB (+0,49% a 22,62 franchi), Adecco (+0,04% a 56,72 franchi), Geberit (+0,79% a 513,20 franchi) e Sika (+1,30% a 175,75 franchi): si è smarcata solo LafargeHolcim (-0,55% a 48,83 franchi), che stando a notizie di stampa potrebbe vendere le attività in Sudafrica. Nel segmento del lusso Swatch (+1,03% a 245,20 franchi) si è fatta preferire a Richemont (+0,42% a 70,94 franchi).

Nel mercato allargato l'attenzione era puntata su Julius Bär (-4,71% a 46,30 franchi), che ha presentato risultati in flessione per il 2019 e ha annunciato un nuovo programma di risparmio. Gurit (-0,14% a 1458,00 franchi) ha informato venerdì sera sull'andamento degli affari, mentre Idorsia (+6,46% a 32,96 franchi) ha approfittato di un commento degli analisti.

Tornare alla home page

ATS