Mercati azionari

La Borsa svizzera chiude in ribasso 

pv, ats

10.9.2021 - 17:51

Roche, i cui 125 anni sono stati ricordati oggi in una conferenza stampa, ha anch'essa contribuito all'esito odierno sulla piazza zurighese.
Roche, i cui 125 anni sono stati ricordati oggi in una conferenza stampa, ha anch'essa contribuito all'esito odierno sulla piazza zurighese.
Keystone

La borsa svizzera chiude in ribasso l'ultima seduta di una settimana da dimenticare. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 12'060.64 punti, in flessione dello 0,46% rispetto a ieri, mentre il listino allargato SPI ha perso lo 0,41%, scendendo a 15'592.35 punti.

pv, ats

10.9.2021 - 17:51

Il mercato, reagendo piuttosto positivamente all'annuncio della Banca Centrale Europea (Bce) ieri di un moderato rallentamento dei suoi acquisti di debito nell'ambito del suo piano di emergenza pandemico (PEPP), si è mantenuto in territorio utili fino all'apertura di Wall Street poi è crollato, tornando ancora una volta in zona perdite allineandosi alla tendenza di oltreoceano.

Sul fronte interno i riflettori erano puntati su Roche (-1,15% a 344 franchi), che ha tenuto una conferenza stampa in occasione del suo 125mo anniversario nel corso della quale gli eredi di Fritz Hoffmann-La Roche hanno ribadito l'importanza del cambiamento per il successo dell'azienda. Partito bene, il titolo ha poi perso smalto nel corso della giornata, finendo ben al di sotto della linea di demarcazione. Male anche Novartis (-1,39% a 78,67 franchi), mentre il terzo peso massimo difensivo, Nestlé (+0,12% a 114,96 franchi), ha concluso in zona utili.

Nel comparto finanziario hanno faticato i bancari UBS (-0,20% a 15,20 franchi), Credit Suisse (-1,47% a 9,64 franchi), mentre Partners Group si è mantenuto in zona utili (+0,19% a 1584,50 franchi). Male gli assicurativi Swiss Re (-1,50% a 81,34 franchi), Swiss Life (-0,99% a 471,70 franchi), e Zurich (-0,70% a 396,90 franchi).

Al centro dell'attenzione degli investitori oggi anche Holcim (-0,15% a 47,76 franchi): l'azienda, che ha annunciato la cessione di attività in Brasile, ha chiuso in perdita quella che è stata una pessima settimana.

In ordine sparso i risultati di altri valori particolarmente ciclici come ABB (+0,36% a 33,71 franchi), Sika (-0,49% a 323,10 franchi) e Geberit (-0,31% a 760,20 franchi). In controtendenza il segmento del lusso dove Richemont (+2,81% a 107,75 franchi) e Swatch (+0,64% a 268,00 franchi) hanno realizzato buoni guadagni.

Nel mercato allargato va segnalato il balzo in avanti della ticinese Medacta (+3,53% a 146,80 franchi), che ha archiviato un ottimo primo semestre 2021.

pv, ats