Mercati azionari Borsa svizzera: chiude quasi invariata, SMI +0,02%

hm, ats

13.7.2023 - 17:40

Il mercato elvetico ha vissuto una giornata tutto sommato tranquilla.
Il mercato elvetico ha vissuto una giornata tutto sommato tranquilla.
Keystone

La borsa svizzera chiude quasi invariata, archiviando peraltro seppur di poco un'altra giornata positiva, la quarta consecutiva: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 11'021,66 punti, in progressione dello 0,02% rispetto a ieri.

13.7.2023 - 17:40

Dopo aver perso la settimana scorsa quasi il 4% ed essere tornato ai livelli di marzo il mercato si conferma quindi tendenzialmente orientato a una ripresa. A favorire i corsi sono una volta ancora le speranze di una prossima fine del ciclo dei rialzi dei tassi d'interesse da parte della Federal Reserve americana.

Dopo che negli Usa l'inflazione è rallentata – era notizia di ieri – oggi l'attenzione si è concentrata sui prezzi alla produzione, che sono rimasti sostanzialmente stabili. Numerosi investitori sperano a questo punto che la Fed opti per una politica monetaria meno restrittiva. Le richieste di sussidio disoccupazione sono però risultate in flessione, segno che l'economia statunitense è tutt'altro che in forte contrazione.

Sul fronte interno si è messa soprattutto inizialmente in luce Richemont (+0,46% a 152,00 franchi), che ha potuto approfittare dei buoni risultati semestrali di Swatch (+6,90% 289,70 franchi). Sika (-2,75% a 247,20 franchi) è invece apparsa in difficoltà, dopo che diversi analisti hanno espresso cautela riguardo ai prossimi trimestrali.

Kühne+Nagel (+0,92% a 272,80 franchi) ha da parte sua confermato la tonicità delle ultime sedute e acquisti sono stati segnalati anche su Partners Group (+1,53% a 834,60 franchi), che nel segmento finanziario ha brillato più di UBS (+0,22% a 18,10 franchi). Fra i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,38% a 105,10 franchi) e Roche (+0,62% a 267,60 franchi) sono stati preferiti a Novartis (-0,52% a 84,60 franchi).

Nel mercato allargato, detto di Swatch non vanno dimenticati i risultati di Barry Callebaut (-1,53% a 1674,00 franchi) e di VAT (+6,13% a 373,90 franchi). Polypeptide (-5,06% a 17,44 franchi) ha sofferto per il terzo avvertimento sugli utili diffuso nel giro di dodici mesi.

hm, ats