Buon export del formaggio svizzero malgrado la pandemia

bu, ats

2.2.2021 - 12:41

Il volume delle esportazioni di formaggio svizzero nel 2020 è aumentato dell'1,6%, a 77'124 tonnellate. Le importazioni sono cresciute di ben l'11,7%, a 71'664 tonnellate.
Keystone

Il volume delle esportazioni di formaggio svizzero nel 2020 è aumentato dell'1,6%, a 77'124 tonnellate, per un valore di 693,8 milioni di franchi (+3,9%). Le importazioni sono cresciute di ben l'11,7%, a 71'664 tonnellate per un ammontare di 453,5 milioni di franchi.

Con oltre l'80% del volume delle esportazioni (62'919 t), l'Europa è il principale mercato per il formaggio rosso-crociato, indica Switzerland Cheese Marketing in un comunicato odierno. La sola Germania assorbe 32'926 tonnellate di formaggio elvetico, ossia una buona metà del volume totale esportato nell'UE. Seguono l'Italia (10'533 t) e la Francia (5839 t). Fuori dall'Europa nel 2020 ne sono state vendute 14'205 tonnellate.

Circa il 45% del latte svizzero viene trasformato in più di 700 specialità di formaggio. E il 40% viene esportato in una settantina di Paesi.

Riguardo alle importazioni quasi l'82% del totale proveniva da Italia (25'594 t, +12,2%), Germania (19'580 t, +13,8%) e Francia (13'490 t, +6,9%).

Il prezzo medio all'esportazione all'ingrosso nel 2020 era di 9,19 franchi al chilo, in crescita rispetto agli 8,97 all'anno precedente. Il prezzo medio di importazione è invece sceso da 6,78 a 6,31.

Tornare alla home page

bu, ats