Interessi negativi addio

Cosa significa e chi trae beneficio dalla decisione della BNS? 

Di Monique Misteli

22.9.2022

Grazie alla svolta dei tassi d'interesse della BNS, l'affitto sta tornando ad essere più interessante (immagine simbolica)
Grazie alla svolta dei tassi d'interesse della BNS, l'affitto sta tornando ad essere più interessante (immagine simbolica)
KEYSTONE

Come previsto, giovedì mattina la Banca nazionale svizzera (BNS) ha alzato bruscamente di 0,75 punti percentuali il tasso di interesse di riferimento, che ora si attesta allo 0,5%. Si conclude così l'era dei tassi di interesse negativi dopo quasi 8 anni.

Di Monique Misteli

22.9.2022

Da questa mattina una cosa è certa: la BNS aumenterà il tasso di interesse di riferimento di 0,75 punti percentuali. Con questo passo storico, la BNS pone fine all'era dei tassi di interesse negativi, un tempo ritenuti impossibili. Il tasso di interesse di riferimento è ora pari a +0,5%.

Ma cosa significa per la Svizzera l'abolizione dei tassi di interesse negativi? E perché proprio ora, quando l'euro sta toccando i minimi storici? Anche questa mattina è sceso brevemente sotto i 95 centesimi rispetto al franco svizzero.

David Marmet della Banca cantonale zurighese afferma: «Da tre mesi a questa parte, la priorità della Banca nazionale non è più il franco forte, ma la lotta all'inflazione». Con l'abolizione dei tassi d'interesse negativi, i guardiani monetari stanno cercando di contrastare l'aumento dell'inflazione e di rafforzare gradualmente il franco, spiega il capo economista svizzero.

«L'obiettivo principale della Banca nazionale è ora la lotta all'inflazione»

Attualmente il tasso di inflazione in Svizzera ha raggiunto il 3,5%. Il dato è significativamente superiore all'obiettivo della BNS del 2%. Questo fa aumentare la pressione sui portafogli degli svizzeri.

La politica monetaria della mano ferma

Rispetto ad altri Paesi, il tasso di inflazione è basso. Nella zona euro ha raggiunto il 9,1% in agosto, negli Stati Uniti l'8,3%. Di conseguenza, la Banca Centrale Europea (BCE) ha effettuato un'importante manovra sui tassi di interesse all'inizio del mese. E la Federal Reserve statunitense ha seguito l'esempio mercoledì sera con un grande passo, aumentando anch'essa il tasso di interesse di riferimento di 0,75 punti percentuali al 2,5%.

Marmet si aspetta che la BNS non aumenti i tassi di interesse oltre i 75 punti base: «Se ci sono grandi aumenti dei tassi, il franco si apprezza troppo rapidamente, il che a sua volta sarebbe un problema per l'industria delle esportazioni».

«I grandi aumenti dei tassi di interesse fanno apprezzare rapidamente il franco»

La BNS è nota per la sua politica monetaria costante. Ciò significa che di solito adotta misure moderate e attende le loro conseguenze: dopo tutto, gli effetti delle decisioni prese oggi durano circa sei mesi.

In parole povere, questo significa: nel breve periodo, il potere d'acquisto dei consumatori diminuisce perché gli aumenti salariali si dissolvono a causa dell'inflazione. Tuttavia, Marmet prevede che l'aumento dell'inflazione si fermerà all'inizio del nuovo anno.

La disparità tra inquilini e proprietari si sta sciogliendo

Durante il regime dei tassi d'interesse negativi, valeva il principio: gli inquilini vengono truffati, i proprietari di casa ne traggono vantaggio. Marmet non presume che i proprietari non saranno più in grado di pagare i loro tassi di mutuo fissi a seguito dell'abolizione dei tassi di interesse negativi.

Nel concedere i mutui, le banche tengono normalmente conto di un tasso d'interesse del 5%. L'abolizione dei tassi di interesse negativi è ancora lontana, sostiene Marmet. E aggiunge: «L'affitto sta tornando ad essere più attraente rispetto all'acquisto di una casa di proprietà».

Buone notizie

Secondo Marmet, l'abolizione dei tassi di interesse negativi è una buona notizia. L'inflazione grava in particolare sulle famiglie a basso reddito. Hanno meno opzioni se i prodotti diventano più costosi.

Marmet è anche tranquillo riguardo all'indebolimento della performance economica previsto dalla Segreteria di Stato dell'Economia (SECO): «Il mercato del lavoro svizzero è molto solido e potrebbe essere in grado di far fronte alla flessione».

La fine di un'era

Otto anni fa, il mondo era un posto diverso. La Grecia era sull'orlo della bancarotta, l'Europa stava affrontando le sfide della crisi dei rifugiati e nel mezzo si trovava la stabile Svizzera.

Ma quando il 15 gennaio 2015 la BNS ha deciso di abolire il tasso di cambio minimo dell'euro di 1 franco e 20, in vigore dal 2011, il paese è andato in fibrillazione. Lo shock del franco ha colpito in modo particolare l'industria delle esportazioni e il turismo. Come contromisura, la BNS ha introdotto il tasso di interesse negativo. Ciò significava che le banche che depositavano il loro denaro presso la BNS pagavano un tasso di interesse di penalizzazione.

Investire denaro in Svizzera divenne più interessante per gli investitori stranieri e gli svizzeri dovevano essere incoraggiati a investire franchi all'estero. Con lo strumento di politica monetaria dei tassi di interesse negativi, la BNS ha guidato la Svizzera in modo sicuro attraverso periodi di instabilità.