Divieti antismog anche a Zurigo?

ATS

13.11.2019 - 08:06

Anche la città di Zurigo interessata a introdurre misure antismog (foto simbolica).
Source: KEYSTONE/GAETAN BALLY

Seguendo l'esempio di Ginevra, anche Zurigo potrebbe vietare la circolazione ai veicoli inquinanti in caso di allarme smog. Il problema – osserva un responsabile della città – è che manca una base legale a livello federale.

In linea di principio, la città di Zurigo è molto interessata a introdurre un divieto di circolazione per i veicoli più inquinanti, ha dichiarato stamane Rainer Zah, del dicastero cittadino per la protezione dell'ambiente e della salute, ai microfoni di Radio SRF.

Anche se le automobili tendono a diventare meno inquinanti, in alcuni luoghi, soprattutto in centro città, i valori limite vengono superati in determinanti periodi anche del doppio, osserva l'esperto.

Zah non esclude che misure analoghe a quelle decise a Ginevra – dove da gennaio ogni veicolo dovrà essere contrassegnato con una vignetta che specifica il livello di emissioni – possano essere introdotte anche nella città sulla Limmat, soprattutto «se si considerano i nuovi rapporti di forza all'interno del parlamento cittadino».

«Ci sono tuttavia ancora questioni legali irrisolte». Il problema principale è la legge federale, che andrebbe modificata, afferma Zah.

Il consiglio di Stato ginevrino ha annunciato una settimana fa l'introduzione di una vignetta antismog di cui dovranno essere muniti tutti i veicoli dal prossimo 15 gennaio. L'adesivo avrà 6 colorazioni differenti. In caso di picchi si smog, i veicoli più inquinanti non potranno più accedere al centro della città lemanica tra le 6.00 e le 22.00.

Divieti di circolazione per le auto più vecchie, in particolare i veicoli diesel, sono già diffusi all'estero, ad esempio a Parigi, Milano o Londra.

In Ticino il Consiglio di Stato ha emanato nel novembre 2016 un decreto che regola l'adozione di provvedimenti adeguati «quando l'inquinamento atmosferico raggiunge valori tali da mettere in pericolo la salute della popolazione e l'ambiente».

Tornare alla home page

ATS