Svizzera

E-bikes: forte domanda, ma carenza di componenti per le batterie

mh, ats

25.6.2021 - 11:16

Forte richiesta di biciclette elettriche
Keystone

La penuria mondiale di semiconduttori, necessari per produrre le batterie, ma anche altri componenti, sta colpendo il mercato svizzero delle biciclette elettriche, in un periodo in cui la domanda per questi mezzi di locomozione continua a crescere.

mh, ats

25.6.2021 - 11:16

«Le carenze sono globali e i tempi di consegna sono aumentati con la pandemia», ha spiegato all'agenzia AWP Ivan Steimer, membro della direzione del produttore di biciclette elettriche di Ginevra Watts.

Identica analisi da parte di Reto Waeffler, alla testa di Swiss E-Mobility Group (SEMG), che possiede circa 30 negozi M-way: «La domanda è in aumento rispetto al 2020, anno che aveva già registrato un boom. Allo stesso tempo, le interruzioni nella produzione internazionale e nelle catene di approvvigionamento continuano ad essere un problema e ciò riguarda anche la carenza di semiconduttori». Il gruppo sta vivendo ritardi nelle consegne e prezzi di acquisto e di logistica più elevati.

SEMG sviluppa in Svizzera modelli con i marchi Cilo, Allegro, Simpel e Zenith, prodotti da partner in Europa e in Asia. «Abbiamo consegne ogni settimana», garantisce Waeffler, mettendo però in guardia: se un cliente «vuole essere sicuro di avere una e-bike la prossima primavera, dovrebbe già iniziare a pensarci».

A Ginevra, Watts produce tra le 1000 e 1500 biciclette elettriche all'anno, «un po' meno nel 2020 e probabilmente nel 2021, perché i fornitori sono bloccati, soprattutto per tutto ciò che è meccanico, sia la catena, il deragliatore, i pedali, gli pneumatici, ma anche altri componenti», ha spiegato Steimer.

«Operiamo su un ciclo di sei mesi per gli ordini. Gli ultimi sono stati emessi quando le cose andavano ancora bene, ma potrebbe essere diverso per i prossimi.» Cerchiamo di anticipare per evitare carenze di fornitura, ma sappiamo che per i connettori, che sono utilizzati per collegare le batterie, i tempi di consegna sono passati da 6-8 settimane a 22 settimane, ha aggiunto Steimer.

L'altra faccia della medaglia riguarda il mercato delle occasioni, che ha subito un'impennata. «Assistiamo a fluttuazioni stagionali ogni anno, che di solito si traducono in un raddoppio della domanda tra marzo e giugno», ha spiegato ad AWP un portavoce della piattaforma di annunci Anibis. Con il semi confinamento, la domanda è triplicata la scorsa estate, sia nel segmento delle biciclette tradizionali che nei modelli elettrici, che ora rappresentano il 15% del totale.

Lo stesso vale per il concorrente Tutti.ch: da aprile a giugno, il numero di offerte è stato moltiplicato di 2,3 volte rispetto al primo trimestre – contro 1,3 di un anno prima – mentre le richieste di contatto sono triplicate.

Su Ricardo.ch la tendenza è stata ancora più pronunciata, con aprile 2020 che ha segnato un massimo storico, con 18'500 articoli venduti nella categoria biciclette, il 90% in più rispetto a un anno prima. «Durante i mesi estivi, la curva di crescita si è appiattita, prima di ricominciare a salire bruscamente nel gennaio 2021», ha affermato un portavoce.

Dopo un leggero calo nel 2019, le vendite di biciclette su Ricardo.ch sono salite del 44% a 113'600 nel 2020. Tra gennaio e maggio 2021, circa 54'000 biciclette hanno cambiato proprietario.

«Crediamo che la tendenza degli ultimi mesi continuerà anche dopo la pandemia, e che il mercato delle biciclette di seconda mano sulle piattaforme online acquisterà importanza, indica da parte sua TX Markets, la filiale del gruppo TX che gestisce i siti web Ricardo.ch e Tutti.ch.

mh, ats