Energia

Il governo britannico mette al bando il «fracking»

ATS

2.11.2019 - 09:49

Il sito esplorativo di Balcombe, nel West Sussex.
Il sito esplorativo di Balcombe, nel West Sussex.
Source: Keystone/AP/LEFTERIS PITARAKIS

Il governo britannico ha messo al bando il cosiddetto «fracking», la contestata tecnica di fratturazione idraulica del sottosuolo per l'estrazione del petrolio e dello shale gas, o gas di scisto.

La decisione, riporta il «Guardian», ha effetto immediato e rappresenta una vittoria importante per gli ambientalisti e le comunità locali, che da anni chiedevano il divieto di queste operazioni.

Non è possibile escludere conseguenze per le persone

Alla base della decisione c'è un nuovo studio scientifico secondo cui non è possibile escludere conseguenze «inaccettabili» per le persone che vivono vicino a questi siti. Il rapporto, realizzato dall'Autorità per il petrolio e il gas (OGA), sottolinea inoltre che è impossibile prevedere la potenza dei terremoti provocati dal fracking.

Lo scorso 12 ottobre un giudice dell'Alta Corte d'Inghilterra aveva invece respinto il ricorso presentato dall'attivista Bob Dennett a nome di un gruppo di ambientalisti e cittadini per fermare queste attività.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS