Materie prime Litio indispensabile per la mobilità sostenibile

dm

8.12.2023 - 10:43

Il Paese con le maggiori riserve di litio al mondo è il Cile, con una stima di 9 milioni di tonnellate. Seguono l'Australia (5,7 milioni di tonnellate) e l'Argentina (2,7 milioni di tonnellate). (Foto d'archivio)
Il Paese con le maggiori riserve di litio al mondo è il Cile, con una stima di 9 milioni di tonnellate. Seguono l'Australia (5,7 milioni di tonnellate) e l'Argentina (2,7 milioni di tonnellate). (Foto d'archivio)
Keystone

«Il futuro è elettrico»: slogan come questo hanno lo scopo di convincere i clienti ad acquistare un'auto elettrica.

dm

8.12.2023 - 10:43

Non è solo marketing ma anche una necessità, dato che dal 2035 nell'UE sarà vietata l'immatricolazione di motori a combustione fossile e probabilmente anche in Svizzera ci sarà un programma simile.

Sono state quindi create le condizioni quadro per la transizione della mobilità e le case automobilistiche hanno adattato i loro piani di produzione di conseguenza. Tuttavia c'è un pezzo cruciale del rompicapo che sta creando grattacapi e potrebbe mettere a repentaglio l'intero piano: il litio.

Questo metallo, essenziale per la costruzione delle moderne batterie per auto elettriche, è raro e difficile da ottenere. Una normale batteria da 90 kilowattora richiede circa 14 kg di litio. A rendere ancora più problematica la faccenda è il fatto che una parte significativa dell'attuale fornitura di litio è in mano alla Cina, da cui, ad esempio, l'UE compra il 97% del totale.

Il Dragone sta investendo miliardi nei Paesi dell'America del Sud e dell'Africa per assicurarsi ulteriori forniture, trovando però resistenza da parte di alcune nazioni poco aperte verso la Cina. In estate, ad esempio, il governo australiano ha vietato l'acquisizione dell'azienda attiva nel settore Alita Resources da parte di una società legata alla Cina. All'inizio dell'anno, al fondo cinese Yuxiao è stato impedito di aumentare la sua partecipazione nel minerario di terre rare Northern Minerals. Il Canada ha persino costretto tre aziende della Repubblica popolare a vendere le loro partecipazioni in società legate alle materie prime critiche.

Il Paese con le maggiori riserve di litio al mondo è il Cile, con una stima di 9 milioni di tonnellate. Seguono l'Australia (5,7 milioni di tonnellate) e l'Argentina (2,7 milioni di tonnellate). In Cile sono in corso sforzi per nazionalizzare il mercato dell'estrazione mineraria e ciò ha portato a significative fluttuazioni dei prezzi in alcuni casi.

Questi ultimi sono scesi significativamente dall'estate, con il prezzo del carbonato di litio per tonnellata in Cina – il più grande mercato mondiale per i veicoli elettrici – che è sceso sotto i 165'000 yuan (poco più di 20'000 franchi) per la prima volta dal settembre 2021 – circa 600'000 yuan (poco meno di 74'000 franchi) erano ancora pagati circa un anno fa.

Forte aumento della domanda

Tuttavia, il calo dei prezzi è destinato a cessare in futuro, poiché la domanda di questo metallo e di altre cosiddette terre rare aumenterà in modo significativo. Secondo i calcoli della Commissione europea, la quantità di litio richiesta nella sola UE aumenterà di oltre cinque volte entro il 20230. Anche la domanda globale è gigantesca: l'European Raw Materials Alliance (ERMA) stima che entro il 2030 saranno necessarie fino a 70.000 tonnellate di terre rare all'anno solo per la costruzione di auto elettriche – nel 2019 la domanda era ancora di 5.000 tonnellate. Anche altre industrie utilizzano l'"oro bianco». L'UE stessa non ha ancora estratto nessuno di questi materiali e dipende quindi completamente dalle importazioni.

Oltre alle batterie agli ioni di litio, esistono anche batterie al litio-ferro-fosfato, che utilizzano una quantità di litio notevolmente inferiore. Sono anche più economiche, ma hanno una densità energetica inferiore e quindi offrono una minore autonomia. Naturalmente si sta lavorando anche su altre forme di batterie, come quella agli ioni di sodio dell'azienda svedese Northvolt, che riesce a fare a meno del metallo raro. Tuttavia, la tecnologia non è ancora pronta per il mercato e, soprattutto, per la produzione di massa.

L'industria dispone quindi attualmente solo di batterie che utilizzano il litio, la cui domanda prevista non può però essere soddisfatta dai depositi attualmente sfruttati. L'Agenzia Internazionale per l'Energia (AIE) calcola che entro il 2030 saranno necessarie circa 60 miniere di litio aggiuntive in tutto il mondo per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione e di e-car dei governi. Il problema è il lungo tempo necessario affinché un progetto di litio passi dallo studio di fattibilità iniziale alla produzione effettiva. Secondo l'AIE, attualmente sono necessari tra i 6 e i 19 anni.

dm