Lucerna: ristoratori manifestano, vogliono più aiuti da Stato

ev, ats

22.12.2020 - 17:18

I ristoratori manifestano a Lucerna per chiedere maggiori aiuti da parte dello Stato
Keystone

Circa 500 persone attive nel settore della ristorazione sono scese in piazza oggi a Lucerna per chiedere maggiori aiuti da parte dello Stato nel pieno della crisi del coronavirus.

La manifestazione si è svolta nel primo giorno di chiusura di bar e ristoranti, ordinata dal Consiglio federale.

Servendosi di fischietti, mestoli e pentole i dimostranti hanno fatto rumore per esprimere la loro collera e richiamare l'attenzione della popolazione sulle loro rivendicazioni, rispondendo così all'invito dell'associazione Gastro Lucerna. «25 anni, cuoco, futuro incerto», «Chi ordina paga» o «Aiutare ora», si poteva leggere sugli striscioni.

Avevano con loro anche una bomba finta sulla quale vi era scritto «La bomba della ristorazione fa tic-tac». Secondo Gastro Lucerna, il principio dei casi di rigore stabilito dalla Confederazione e dai Cantoni è insufficiente per salvare il settore. Per beneficiare dell'aiuto statale occorre presentare un calo del fatturato di almeno il 40% rispetto all'anno precedente.

La grande maggioranza non ha raggiunto la soglia del 40%, ha detto a Keystone-ATS Patrick Grinschgl, presidente di GastroRegionLuzern: aiuterebbe davvero i ristoratori abbassare tale soglia al 34%. Inoltre, l'associazione chiede un indennizzo a fondo perso del 30% delle entrate del mese precedente con effetto retroattivo al primo dicembre.

Occorre adattare il principio dei casi di rigore in modo da garantire una flessibilità nella ripartizione tra prestiti e aiuti a fondo perso, sottolinea Grinschgl. La perdita delle entrate deve inoltre essere calcolata su base trimestrale. I ristoratori lucernesi chiedono anche una ripartizione della copertura degli affitti – di un terzo ciascuno – tra proprietari, potere pubblico e locatari, come avviene in altri cantoni.

Tornare alla home page

ev, ats