Niente interessi negativi per risparmiatori

ATS

23.9.2019 - 09:53

Sabine Keller-Busse
Source: UBS

UBS non intende far pagare ai piccoli risparmiatori interessi negativi sui loro depositi: lo indica la direttrice operativa (COO) Sabine Keller-Busse.

Un passo del genere sarebbe difficilmente spiegabile, afferma la 54enne in un'intervista pubblicata ieri dalla NZZ am Sonntag. La dirigente riferisce di avere lei stessa due figlie con conti presso UBS: «perché dovrebbero portare i loro risparmi in banca, se nel farlo devono pagare interessi punitivi?«, si chiede.

L'istituto persegue «il chiaro obiettivo di preservare i piccoli risparmiatori», aggiunge la manager con nazionalità svizzera e tedesca. Per i grandi clienti la situazione è invece diversa: gli interessi negativi continueranno a interessare importi sopra i 2 milioni di franchi o i 500'000 euro.

A causa del basso livello dei tassi per UBS cresce peraltro la pressione sul fronte dei costi: al di là delle misure strutturali quest'anno verranno risparmiati 300 milioni di franchi, nelle spese correnti come quelle per consulenze esterne o per i viaggi.

Una importante misura è inoltre l'integrazione di impieghi in precedenza esternalizzati. Negli ultimi 18 mesi sono stati cancellati 6700 posti esterni, mentre l'organico interno è salito di 5600 unità: al netto sono stati quindi risparmiati 1100 impieghi. UBS vuole però anche crescere sul fronte dei ricavi: punta in particolare agli Stati Uniti e all'Asia.

Sabine Keller-Busse ha anche riconosciuto che il corso borsistico dell'azione UBS non si trova ai livelli auspicati, ma la stessa cosa – dice – capita anche per le altre banche. «Quale investitore di lungo periodo io ho volentieri azioni UBS». Dall'inizio dell'anno i titoli della banca guidata da Sergio Ermotti hanno perso il 7%, a fronte di un indice complessivo SMI progredito del 19%.

Tornare alla home page

ATS