Pacchi: La Posta testa esoscheletro e robot per lo smistamento

dosp, ats

25.11.2021 - 17:14

Nel centro regionale per pacchi di Basilea, gli impiegati attivi alla fine della catena di smistamento sono equipaggiati con un sistema di cinture di sostegno, una sorta di esoscheletro. Questa attrezzatura ha lo scopo di alleviare il peso sulla colonna vertebrale e le articolazioni.
Keystone

Tra il black friday di domani, che in qualche modo segna l'inizio dello shopping natalizio, e il 24 dicembre, La Posta dovrà far fronte a un numero record di invii di pacchi, più di un milione al giorno.

dosp, ats

25.11.2021 - 17:14

Ne approfitta per testare, a Basilea, nuove tecniche di smistamento che dovrebbero anche promuovere la salute dei dipendenti.

Nel centro regionale per pacchi della città sul Reno, gli impiegati attivi alla fine della catena di smistamento sono equipaggiati con un sistema di cinture di sostegno, una sorta di esoscheletro. Questa attrezzatura ha lo scopo di alleviare il peso sulla colonna vertebrale e le articolazioni dei dipendenti mentre mettono i pacchi sui carrelli.

Il gigante giallo sta anche testando un sistema di smistamento robotizzato ad utilizzazione flessibile. Si tratta di una prima mondiale, ha detto Johannes Cramer, capo dell'unità logistica della Posta in una conferenza stampa odierna. Piccoli carrelli robotici, 28 in tutto, raccolgono i pacchi smistati e, spostandosi autonomamente sul terreno, li portano in vari punti in vista della distribuzione.

Il sistema può gestire 35'000 pacchi al giorno: molto poco rispetto alla capacità dei tre grandi centri di smistamento di Härkingen (SO), Frauenfeld (TG) e Daillens (VD). Sul sito solettese ad esempio vengono smistati 25'000 pacchi all'ora.

Raddoppiare la capacità entro il 2030

Le nuove tecnologie sono importanti perché la Posta intende raddoppiare la sua capacità di smistamento entro il 2030. Nell'anno in corso, l'azienda prevede di distribuire circa 200 milioni di pacchi, cifra che costituirebbe un nuovo record (erano 191 milioni nel 2020).

Da questa settimana l'ex regia federale consegna in media un milione di pacchi al giorno. Il ritmo dovrebbe rimanere a questo livello fino alle feste di fine anno.

I grandi centri di distribuzione sono operativi 22 ore al giorno (due ore servono per la manutenzione delle macchine). Sono stati creati 730 posti a tempo pieno, a cui ne vanno aggiunti circa 200 temporanei, ha indicato Cramer.

La frenesia degli acquisti non fa reagire solo La Posta. Anche il rivenditore in linea Digitec Galaxus ad esempio ricorre a personale supplementare: accanto ai 750 dipendenti fissi della logistica, sono stati assunti 230 lavoratori con contratti a tempo determinato. Altri 80 impiegati temporanei lavorano nei magazzini, indica una nota odierna del commerciante online.

Il direttore dell'unità logistica della Posta ritiene che il flusso di pacchi continuerà ad aumentare. Entro il 2030, l'azienda investirà 1,5 miliardi di franchi nell'infrastruttura, anche per la flotta di veicoli elettrici, che sarà ampliata, a partire dalle città. Entro il 2030, nessun veicolo della Posta dovrà più essere alimentato da combustibili fossili.

dosp, ats