Svizzera-Cina Parmelin abbastanza «ottimista» sugli accordi con Pechino

sn, ats

24.6.2024 - 14:36

Il «ministro» dell'economia Guy Parmelin sarà presto in Cina.
Il «ministro» dell'economia Guy Parmelin sarà presto in Cina.
Keystone

Il consigliere federale Guy Parmelin la prossima settimana si recherà in Cina per discutere di una revisione dell'accordo di libero scambio con Pechino. Si dice «relativamente ottimista», mentre rimane prudente parlando dei negoziati con il Mercosur.

24.6.2024 - 14:36

Per quel che riguarda la Cina, è «difficile dire» quando una nuova intesa potrà essere conclusa, ma «da parte cinese si vede dell'interesse», ha detto oggi in un'intervista rilasciata a Keystone-ATS il capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR). La situazione interna del Paese, e in particolare le difficoltà del mercato immobiliare, spingono al dialogo.

Ci sono voluti circa sei anni per identificare i punti su cui basare le discussioni, ha spiegato il «ministro». Ora, dalla firma dell'accordo fra l'Associazione europea di libero scambio (AELS) e l'India qualche mese fa, l'appetito di Pechino è aumentato. «Improvvisamente ci siamo trovati d'accordo» sulla prima fase, ha aggiunto Parmelin, che oggi presiede una ministeriale dell'associazione.

Il vodese si reca in Cina per lanciare la seconda tappa, la valutazione dei margini di manovra delle parti sulle questioni che verranno discusse. I negoziati veri e propri faranno parte della terza fase.

Mercosur: dialogo difficile

Un altro grande negoziato dell'AELS è quello con il blocco di Paesi dell'America latina Mercosur. L'intesa è stata rilanciata a fine aprile dopo cinque anni di pausa, causati dalla pandemia e della situazione politica dell'America meridionale. Secondo diverse fonti, il dialogo non è dei migliori.

L'ex presidente argentino Alberto Fernandez lasciava le discussioni in attesa per mesi e l'attuale presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha nuove esigenze. «Bisogna che siano d'accordo fra di loro», ha fatto notare Parmelin.

«C'è una finestra di opportunità», ha comunque sottolineato il consigliere federale. Qualche mese fa non escludeva un'intesa entro fine anno, mentre ora le dichiarazioni sono più prudenti. «Ci sono delle questioni relative alla proprietà intellettuale che il Brasile ha riportato sul tavolo dei negoziati, quando erano già state risolte nel 2019», ha spiegato.

Altri problemi sono in discussione. Siccome i negoziati fra lo stesso Mercosur e l'Unione europea restano bloccati a causa di alcuni Paesi europei, l'urgenza per la Svizzera è relativa: «Preferisco avanzare passo per passo», ha detto Parmelin. Questo anche perché temi quali la deforestazione e le importazioni agricole saranno apertamente discussi

sn, ats