Statistiche

Gli svizzeri sgobbano di più, cresce il numero di ore lavorate

hm, ats

13.6.2022 - 14:01

Si ha lavorato più a lungo nel 2021.
Keystone

Si allungano i tempi effettivi di lavoro in Svizzera: nel 2021 sono state lavorate 7,8 miliardi di ore, il 2,5% in più dell'anno precedente.

hm, ats

13.6.2022 - 14:01

Dato che il numero di impieghi è rimasto pressoché stabile (-0,1%) la crescita è dovuta all'incremento della durata effettiva dell'attività professionale.

Questo è dovuto al forte calo della assenze, fra l'altro a causa dell'incidenza minore del lavoro ridotto, spiega l'Ufficio federale di statistica (UST) in un comunicato odierno. Il volume di ore lavorate rimane comunque inferiore dell'1,3% a quello del 2019 pre-pandemico.

La durata settimanale effettiva di impiego dei dipendenti a tempo pieno nel 2021 si è attestata a 39 ore e 16 minuti. Il carico di lavoro più elevato è stato rilevato nel settore primario (45h08), seguito dai rami delle finanze e delle assicurazioni (41h24), dalle attività professionali, scientifiche e tecniche (40h20) e dall'amministrazione pubblica (pure 40h20).

La durata più corta è stata registrata nel settore alloggio e ristorazione (29h45 minuti), poiché la disoccupazione parziale era ancora molto frequente.

Per poter procedere a confronti internazionali l'UST ha anche calcolato la variazione delle ore di lavoro nella sola fascia di popolazione dei 20-64enni, risultata del +4,7% fra il 2020 e il 2021.

La progressione elvetica è superiore alla media Ue (+4,1%): il paese che ha registrato l'incremento più marcato è stato il Belgio (+12,2%), seguito da Cipro (+10,4%) e dalla Spagna (+9,5%), mentre all'altra estremità si trovano Islanda, Estonia e Lussemburgo, (rispettivamente -5,5%, -4,9% e -3,2%).

hm, ats