Covid

Swiss introduce vaccinazione obbligatoria per equipaggio

ev

24.8.2021 - 19:30

La compagnia aerea Swiss, controllata dalla tedesca Lufthansa, è la prima in Europa a introdurre una vaccinazione obbligatoria contro il Covid-19 per tutto il personale di volo. 

La compagnia aerea Swiss introdurrà da metà novembre l'obbligo di vaccinazione contro il Covid-19 per il suo personale di volo (foto d'archivio)
La compagnia aerea Swiss introdurrà da metà novembre l'obbligo di vaccinazione contro il Covid-19 per il suo personale di volo (foto d'archivio)
KEYSTONE/GAETAN BALLY

ev

24.8.2021 - 19:30

Lo ha comunicato oggi la stessa Swiss, precisando che la misura viene presa per motivi operativi e di protezione e verrà applicata da metà novembre.

Un'altra ragione per l'introduzione della vaccinazione obbligatoria sono le condizioni mondiali per l'ingresso nei paesi, che richiedono sempre più spesso l'obbligo di immunizzazione anche per gli equipaggi. Hong Kong, per esempio, ora richiede agli equipaggi di alcuni paesi di mostrare una prova di vaccinazione, anche per i voli dalla Svizzera.

Senza un obbligo di vaccinazione per tutto il personale di cabina la pianificazione dei programmi di volo risulterebbe molto difficile, viene sottolineato. Singole destinazioni e regioni non potrebbero più essere servite, il che comprometterebbe significativamente il sistema degli hub.

In Europa, nessun'altra compagnia aerea ha introdotto una tale vaccinazione obbligatoria per il personale di volo e Swiss è anche la prima compagnia aerea del gruppo Lufthansa a ricorrere a questa misura, ha detto una portavoce di Swiss all'agenzia finanziaria AWP. La vaccinazione obbligatoria esiste già presso l'australiana Qantas, la statunitense United e alcune compagnie aeree asiatiche.

Swiss si basa su clausole dei contratti collettivi di lavoro per il personale di cabina e di bordo che prevedono tale misura. E c'è anche uno scambio con le parti sociali su questo tema. «L'obiettivo è quello di trovare soluzioni socialmente accettabili per quei dipendenti che non vogliono essere vaccinati», ha detto la portavoce.

«Per poter mantenere in futuro la nostra rete di rotte in tutto il mondo e per adempiere al nostro dovere di protezione nei confronti dei nostri dipendenti, è importante intraprendere ora le misure necessarie», ha detto il CEO di Swiss Dieter Vranckx citato nel comunicato.

ev