Banche Un'iniziativa vuole parzialmente nazionalizzare UBS

ot, ats

17.9.2023 - 09:43

Stando al comitato d'iniziativa, UBS è " de facto diventata una banca di Stato". (immagine d'archivio)
Stando al comitato d'iniziativa, UBS è " de facto diventata una banca di Stato". (immagine d'archivio)
Keystone

Un comitato di cittadini del Cantone di Zurigo intende lanciare un'iniziativa popolare per la nazionalizzazione parziale di UBS. Il testo, presentato alla Cancelleria federale, chiede che la Confederazione rilevi la maggioranza delle azioni della banca.

17.9.2023 - 09:43

Il progetto è stato riportato dalla SonntagsZeitung. Sul suo sito web, il comitato dell'iniziativa scrive di voler proteggere meglio i contribuenti e i beni statali traendo insegnamento dalle crisi bancarie del 2008 con UBS e del 2023 con l'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. L'obiettivo è rafforzare la fiducia di clienti e investitori.

L'attuale UBS non è solo una grande banca di importanza sistemica, ma è «diventata, de facto, una banca di Stato sotto due aspetti», proseguono gli iniziativisti. La grande banca ha potuto affrontare l'acquisizione di Credit Suisse solo grazie a garanzie statali di vari miliardi. D'altro canto, UBS è diventata troppo grande per essere lasciata fallire in caso di crisi.

Il promotore dell'iniziativa è Bernhard Schmidt, di Dietikon (ZH). Il 58enne, senza affiliazione politica, è direttore di una scuola privata e ha già fatto votare i cittadini del Cantone di Zurigo su un'iniziativa, con quasi 8000 firme, per fermare la costruzione di una linea ferroviaria nella Limmattal. Un'iniziativa ampiamente respinta nel 2018.

Schmidt si è anche candidato, senza successo, al Consiglio di Stato zurighese. A ottobre si presenterà al Consiglio nazionale con una propria lista e concorrerà per un seggio al Consiglio degli Stati.

Attuazione entro due anni

Secondo il sito web dei promotori, l'iniziativa mira specificamente a modificare l'articolo 98 della Costituzione federale in materia di banche e assicurazioni. In questo modo si stabilirebbe che «le grandi banche di importanza sistemica devono essere gestite come società per azioni a economia mista, con la Confederazione che detiene la maggioranza del capitale azionario. La banca può emettere certificati di partecipazione».

La nazionalizzazione parziale deve essere attuata entro due anni dall'accettazione dell'iniziativa. Secondo il testo in questione, l'Assemblea federale deve adottare «misure preventive» per garantire che le grandi banche non possano trasferire le loro sedi legali all'estero una volta accettato l'oggetto.

Schmidt intende iniziare a raccogliere le firme quest'anno. Affinché un'iniziativa abbia successo, sono necessarie 100'000 firme entro 18 mesi.

ot, ats