Il sottotipo di Omicron avanza Ecco come la variante «Eris» del Covid inganna il sistema immunitario

Di Andreas Fischer

28.9.2023

Il nuovo vaccino contro il Covid è stato adattato alla variante XBB.1.5 di Omicron e, secondo gli scienziati, è efficace anche contro «Eris».
Il nuovo vaccino contro il Covid è stato adattato alla variante XBB.1.5 di Omicron e, secondo gli scienziati, è efficace anche contro «Eris».
Keystone

Una nuova variante di Covid è si sta diffondendo in tutto il mondo, anche in Svizzera. Ecco perché «Eris» è così contagiosa e quali saranno gli effetti della mutazione sull'ondata autunnale.

Di Andreas Fischer

28.9.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Una nuova mutazione del Covid molto contagiosa preoccupa gli scienziati.
  • La sottovariante di Omicron EG.5.1 chiamata «Eris» si sta diffondendo in tutto il mondo.
  • I ricercatori hanno scoperto come «Eris» inganna il sistema immunitario e hanno valutato se i nuovi vaccini offrono una protezione sufficiente.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è da tempo preoccupata per lo sviluppo del Covid nella stagione fredda. «Continuiamo a vedere tendenze preoccupanti (...) con l'avvicinarsi della stagione invernale nell'emisfero settentrionale», ha dichiarato recentemente il capo dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Anche se attualmente non esiste una singola variante virale dominante a livello mondiale, la sottovariante di Omicron EG.5, compreso il suo derivato EG.5.1, si sta diffondendo ed è stata classificata dall'OMS come «variante virale d'interesse».

In Svizzera, la sublinea EG.5.1 del SARS-CoV-2, chiamata «Eris», rappresenta il 33% dei virus in circolazione, comunica Richard Neher, che studia il fenomeno presso il Biozentrum dell'Università di Basilea, citato da «Watson». «Eris» discende dalle varianti XBB dominanti in Svizzera in questo momento.

La mutazione può sfuggire agli anticorpi

La variante del virus è considerata estremamente contagiosa: il motivo è stato scoperto da un team di scienziati tedeschi. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista «The Lancet», EG.5.1 non è più infettiva di altre varianti e non attacca più efficacemente le cellule dell'ospite. Ma una particolare mutazione gli permette di sfuggire più facilmente agli anticorpi neutralizzanti presenti nel sangue.

«Abbiamo trovato prove sul fatto che la probabile causa della grande diffusione di ‹Eris› sia la maggiore capacità di sfuggire agli anticorpi», fa sapere Markus Hoffmann, responsabile dello studio.

La variante quindi è avvantaggiata nelle persone il cui sistema immunitario possiede anticorpi grazie a vaccinazioni o infezioni: in altre parole, quasi tutta la popolazione.

La vaccinazione funziona anche contro la nuova variante

Tuttavia, gli scienziati hanno anche una buona notizia: «L'aumento della capacità di sfuggire agli anticorpi è piuttosto moderato e non è affatto sufficiente per infiltrarsi completamente nella nostra immunità di base», afferma Hoffmann.

Ecco le raccomandazioni sulla vaccinazione:

  • L'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) raccomandano alle persone particolarmente a rischio di farsi vaccinare contro il Covid in autunno/inverno. I costi sono coperti dalla cassa malati.
  • Ecco chi è particolarmente a rischio: persone di età pari o superiore ai 65 anni, persone di età pari o superiore a 16 anni con una malattia cronica, persone di età pari o superiore a 16 anni con trisomia 21. Le donne in gravidanza possono ricevere la vaccinazione dopo una valutazione individuale.
  • La vaccinazione contro il Covid non è raccomandata per chi non rientra in queste categorie. Tuttavia, è possibile effettuarla a pagamento.
  • Il periodo ideale in cui farla è tra metà ottobre e metà dicembre, ma almeno sei mesi dopo l'ultima vaccinazione o dopo un'infezione.
  • Si raccomanda la vaccinazione con mRNA adattata all'attuale variante del virus XBB.1.5 o con il vaccino proteico di Novavax. È necessaria una sola puntura.

Hoffman ritiene che valga la pena sottoporsi a una prima vaccinazione o un richiamo con i nuovi vaccini, attualmente in fase di approvazione da parte di Swissmedic.

Sono adattati alla variante XBB.1.5 e sono raccomandati dall'Ufficio federale della sanità pubblica e dalla Commissione federale per le vaccinazioni in vista dell'autunno.

Dato che «Eris» discende da una sublinea XBB «si può presumere che i nuovi vaccini adattati saranno efficaci anche contro EG.5 e le sue sottovarianti».