Caldo infernale allo zoo

Ecco come si rinfrescano gli animali

uri

1.8.2022

Le alte temperature rendono la vita difficile anche agli animali, non da ultimo quelli dello zoo, che possono provenire da angoli molto più freddi del mondo. Si rende quindi necessaria molta creatività per mantenerli alla loro giusta temperatura e di buon umore.

uri

1.8.2022

La canicola - che nel frattempo ha lasciato la Svizzera - non colpisce solo le persone, ma anche gli animali soffrono alle temperature estreme. Gli zoo devono quindi pure prepararsi alle ondate di caldo: gli animali sensibili al calore, come i panda, hanno quindi bisogno di luoghi freschi e gli elefanti asiatici hanno bisogno di molti liquidi. Arrivano a bere fino a 200 litri al giorno.

La calura estiva è ovviamente anche un argomento ricorrente per gli zoo svizzeri, per la quale sono preparati. Ma i toni di panico non sembrano appropriati. Il caldo «non è un caso speciale» per gli animali, ma solo una situazione che possono affrontare, ha affermato lo Zoo di Zurigo in occasione dell'ultima calda estate del 2019.

Temperature fresche nelle strutture

A Zurigo aiuta il fatto che le diverse condizioni climatiche siano state considerate «fin dall'inizio» durante la progettazione dei recinti per gli animali.

I pinguini reali, che sono abituati al freddo, trascorrono le loro giornate in un recinto interno refrigerato, dove le temperature sono comprese tra i 6° e 8°C. L'aria viene filtrata, secondo lo zoo, perché i pinguini sono molto sensibili ai germi e alle spore fungine. Nel loro habitat naturale nel ghiaccio, il carico di germi è molto basso.

Secondo lo zoo, agli animali nelle aree all'aperto è garantito un accesso sufficiente alle possibilità di abbeverarsi e alle aree ombreggiate. Anche le specie a cui piace rinfrescarsi nell'acqua, come gli yak, le tigri dell'Amur o gli elefanti, hanno bacini d'acqua facilmente raggiungibili.

Un gelato diverso per gli animali

Nel frattempo, durante le giornate di forte caldo i guardiani degli animali devono assicurarsi di nutrire tempestivamente il cibo deperibile. I gufi crepuscolari e notturni, ad esempio, si nutrono solo poco prima della fine della giornata lavorativa, «in modo che i topi e i pulcini morti non siano esposti al sole cocente».

Quando fa caldo, vengono serviti gelati a varie specie animali, non da ultimo per la gioia dei visitatori dello zoo. Questi sono serviti «come cambiamento, per arricchire il comportamento e anche per rinfrescare», scrive lo zoo di Zurigo.

Ma non si tratta di dolci ipercalorici. I gelati sono costituiti da cibo adatto alla specie congelato in blocchi. Possono variare in dimensioni, da un bicchiere per i primati a un calderone per le tigri o gli elefanti.