Ecco perché l'onda della Delta colpirà ora anche asili e scuole

Di Philipp Dahm

16.9.2021

I bambini dell'asilo nido a Zurigo si prenderanno una pausa all'aperto nel luglio 2021: quanti saranno infettati da Corona in inverno?
I bambini di un asilo nido a Zurigo si son presi una pausa all'aperto nel luglio 2021: quanti di loro saranno infettati dal Covid in inverno?
KEYSTONE

Negli Stati Uniti, dall'inizio della scuola, le infezioni da Covid nei bambini sono aumentate del 240%. La variante Delta contagia 10 volte di più i fanciulli. La Svizzera rimane stranamente calma nonostante queste cifre.

Di Philipp Dahm

16.9.2021

Gli Stati Uniti stanno affrontando problemi simili a quelli della Svizzera: con l'inizio della scuola, i genitori si chiedono quale sia la situazione attuale della pandemia, il rischio che i loro figli vengano infettati e la possibile protezione attraverso la vaccinazione.

Il polverone si sta alzando: il 5 agosto, l'American Academy of Pediatrics (AAP) ha sollecitato la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ad approvare i vaccini per i minori di dodici anni. La misura riguarderebbe 48 milioni di bambini in questa fascia d'età nel Paese a stelle e strisce.

Il presidente dell'AAP Lee Beers giustifica la mossa con il rapporto «rischio e beneficio»: «Sappiamo che il Covid tende a essere leggero nei bambini, ma alcuni di loro possono ammalarsi comunque in maniera grave», spiega il medico all'emittente pubblica americana PBS.

Le mutazioni, tuttavia, richiedono nuove misure: «La Delta è molto più contagiosa, molti più bambini si ammalano. Una piccola percentuale di un grande numero di bimbi è un numero davvero grande di bambini».

Le ospedalizzazioni di bimbi piccoli aumentano di dieci volte

La situazione negli ospedali pediatrici è la stessa ovunque, dice Beers: «Sono sopraffatti». La questione della vaccinazione «sta diventando davvero particolarmente acuta e ora particolarmente urgente», dice. La settimana scorsa la FDA ha replicato che la procedura abituale sarebbe stata mantenuta.

Il nervosismo è stato alimentato venerdì da un nuovo studio del CDC, l'agenzia di salute pubblica, che esamina il Covid nei bambini e in particolare i cambiamenti causati dalla variante Delta: la mutazione ha causato un aumento di dieci volte dei ricoveri di bambini da 0 a 4 anni.

La questione ha guadagnato slancio nelle ultime settimane: dalla fine di giugno alla metà di agosto, il numero di tutti i ricoveri di bambini e adolescenti è aumentato di cinque volte. La variante Delta non colpisce più spesso i bambini poiché il rapporto dei ricoveri rispetto agli adulti è rimasto lo stesso dopo la comparsa delle varianti.

Più del 10% dei bambini con Long Covid

Ma anche se la pandemia colpisce meno frequentemente i bambini ed è quindi per lo più innocua, ci sono anche quelli tra loro che sperimentano le conseguenze potenzialmente brutte dell'infezione: i dati israeliani mostrano che l'11,2% dei bambini che si infettano soffrono di Long Covid.

I dati sono stati raccolti tra 13.864 bambini e adolescenti tra i 3 e i 18 anni, secondo il Ministero della Salute. La probabilità di Long Covid aumenta con l'età, spiegano gli israeliani. In totale, a più di 200.000 bambini è stato diagnosticato il virus nel paese, e la metà di loro ha un decorso asintomatico. Questo significa che migliaia di bambini in Israele soffrono di Long Covid.

La conclusione all'estero è quindi chiara: nessuno deve diffondere il panico, ma il Covid può colpire anche i bambini e i giovani e, a volte, duramente.

Come reagisce la politica svizzera a questo problema? Almeno è stato riconosciuto: «Adolescenti e bambini, insieme ai giovani adulti, rappresentano una parte sempre più grande delle nuove infezioni», dice Rudolf Hauri, presidente dell'Associazione dei medici cantonali svizzeri.

Il problema in Svizzera era «all'orizzonte da mesi»

Hauri è rimasto piuttosto vago martedì in conferenza stampa. «In generale, bisogna notare che la situazione iniziale può variare da scuola a scuola, da istituto a istituto e da classe a classe», dice Hauri, riferendosi al patchwork cantonale in modo amichevole come «diversità», che si traduce in «ponderazioni diverse delle misure».

La virologa Isabelle Eckerle vede le cose in modo completamente diverso. «Era evidente da mesi che avremmo avuto un problema enorme con la Delta nelle scuole», dice la ricercatrice a capo del Dipartimento di malattie infettive dell'ospedale universitario di Ginevra. Invece di preparare gli istituti di insegnamento per la pandemia, dice, le vacanze estive sono state lasciate inutilizzate.

Eckerle dice ai giornali Tamedia che ci sarebbe dovuto essere un regolamento uniforme già nel 2020. Poiché la situazione dei dati ha sovraccaricato i comuni e le scuole, si sarebbe dovuto formare un gruppo di esperti e raccomandare ulteriori misure, inclusa la vaccinazione di tutti gli adulti o l'uso obbligatorio di mascherina nelle aule.

«Tutte le persone non vaccinate alla fine si infetteranno»

Anche le autorità statunitensi raccomandano quest'ultima, anche per i bimbi tra 0 e 4 anni. La Svizzera è ancora titubante: «I test di serie ripetitivi e la reintroduzione parziale delle maschere obbligatorie hanno lo scopo di mantenere la frequenza delle classi ed evitare la chiusura delle scuole», dice Hauri.

E altre misure? «L'aerazione regolare è una cosa ovvia, anche se l'uso di misuratori di CO2 o di filtri d'aria, per esempio, non è ancora diventato uno standard nazionale», afferma il medico cantonale del canton Zugo. «Con i test ripetitivi già menzionati, abbiamo uno strumento che rileva in modo affidabile i bambini e gli adolescenti più grandi prima che contribuiscano alla diffusione del virus».

A medio termine la questione cruciale anche per i bimbi e gli adolescenti  probabilmente è se i bambini e gli adolescenti sono vaccinati o quando possono ottenere la loro dose senza preoccupazioni. Perché Hauri ha anche chiaramente delineato il punto cardine: «A lungo termine, a un certo punto, tutte le persone non vaccinate probabilmente si infetteranno».