Eruzione in Guatemala, si aggrava bilancio

ATS

6.6.2018 - 20:47

L'eruzione del Volcan de Fuego.
Source: KEYSTONE/AP/RODRIGO ABD

Il Guatemala non si è ancora risvegliato dall'incubo del Volcan de Fuego, due giorni dopo la sua più forte eruzione in oltre 40 anni. Il bilancio è ufficialmente di 75 morti, ai quali si aggiungono altri 3 cadaveri ritrovati nelle ultime ore.

Ma la conta delle vittime è destinata a salire: i dispersi sono infatti quasi 200. Il governo guatemalteco continua a mantenere l'allarme rosso nei tre dipartimenti intorno al Volcan de Fuego - Esquintla, Sacatepequez e Chimaltenando - dopo il panico provocato ieri da nuove piogge di ceneri ardenti su alcune delle località più colpite.

L'Istituto nazionale di sismologia ha avvertito che, tenendo conto dell'attività che si registra ancora nel vulcano, non si possono escludere nuove esplosioni, che potrebbero provocare a loro volta nuovi flussi piroclastici, cioè le colate di lava, ceneri e frammenti di roccia che hanno seminato morte e distruzione intorno alla montagna.

Secondo scienziati americani, il vulcano ha prodotto la più grande quantità di gas tossici, essenzialmente anidride solforosa, da quando esiste un monitoraggio satellitare di questo tipo di fenomeno naturale.

Tornare alla home page

ATS