Il più grande cratere avvistato nella tundra in pieno disgelo

Philipp Dahm

14.9.2020 - 17:13

Nel nord-ovest della Siberia, una troupe televisiva si è imbattuta per caso in un'enorme cavità nel suolo. Questo fenomeno è probabilmente legato al cambiamento climatico: il metano sarebbe all'origine della formazione del cratere nel sottosuolo.

Nel giugno del 2020, sorvolando la penisola di Yamal di ritorno da una serie di riprese, la troupe di Vesti Yamal TV ha fatto una scoperta sorprendente: è passata sopra ad un enorme cratere che prima non esisteva. Formatasi nel cuore della tundra siberiana, questa cavità è profonda 50 metri.

La formazione di questi crateri nella regione artica è un fenomeno noto dal 2014. Si attribuisce il nome ai crateri in ordine di scoperta: l'ultimo è quindi il n° 17. Gli scienziati ipotizzano che i crateri si formino da enormi bolle di metano presenti nel sottosuolo che scoppiano e fuoriescono a causa del riscaldamento climatico.

«Quello che vediamo oggi è notevole per dimensione e grandiosità», afferma, nelle dichiarazioni rilasciate al «Siberian Times», Evgeny Chuvilin dell'Institut Skolkovo di scienza e tecnologia, un istituto privato con sede a Mosca. «Sono le colossali forze della natura che creano tali formazioni.» Il cratere n° 17 è la più grande cavità ad oggi conosciuta provocata dal metano nella tundra.

Dei ricercatori studiano il cratere 17.
Vesti Yamal TV

«Questa formazione è straordinaria», afferma Vasily Bogoyavlensky dell'Istituto del petrolio e del gas di Mosca, intervistato da Vesti Yamal TV. «Contiene ulteriori informazioni scientifiche che non posso ancora essere elaborare, è materiale destinato alle pubblicazioni scientifiche».

Una spedizione di ricercatori si interessa già del cratere n° 17. «Dobbiamo analizzare tutto e costruire dei modelli tridimensionali», ha fatto sapere il professor Bogoyavlensky.

Il cambiamento climatico ha conseguenze drammatiche nell'Artico. Secondo quanto riporta «Emerging Europe», nella città russa di Khatanga, situata nel nord della Siberia al di là del Circolo polare artico e le cui temperature si avvicinano normalmente allo zero in primavera e all'inizio dell'estate, sono stati toccati i 25°C a maggio.

Più a sud, si sono registrati altri record: a Verkhoyansk, in Estremo Oriente, e circa 110 chilometri sotto il Circolo polare artico, le temperature hanno raggiunto nientemeno che i 38°C il 20 giugno. Non sorprende dunque che alla fine del mese di agosto degli incendi boschivi abbiano devastato, secondo le autorità, 2,7 milioni di ettari nelle regioni isolate. Greenpeace Russia parla invece di 3,3 milioni di ettari. Per fare un confronto la superficie della Svizzera è di 4,1 milioni di ettari.

Tornare alla home page