Retrospettiva In mostra a Basilea i viaggi avventurosi del fumettista vodese Cosey

dosp, ats

10.11.2022 - 15:29

Cosey ha raggiunto la notorietà internazionale con il personaggio di Jonathan, un emarginato. Il Museo dei cartoni animati di Basilea rende omaggio, per la prima volta nella Svizzera tedesca, al pluripremiato fumettista losannese con una retrospettiva completa.

dosp, ats

10.11.2022 - 15:29

Quando ci si trova di fronte il fumettista 72enne, il cui vero nome è Bernard Cosendai, appare subito chiaro che il suo protagonista Jonathan non è una vera e propria figura artistica, ma il suo alter ego. In 17 volumi ha fatto viaggiare l'antieroe attraverso la regione himalayana e soprattutto attraverso il Tibet occupato.

«Fin da bambino ero affascinato dalle montagne, dalla filosofia delle persone che vivono lì e dalla spiritualità», dice Cosey quando gli si chiede di spiegare questa particolare ambientazione. È stato anche influenzato dal fumetto dell'autore belga Hergé «Tintin au Tibet» (Tintin in Tibet).

Ancor più di Hergé, Cosey colpisce per la precisione e l'attenzione ai dettagli nella rappresentazione dei paesaggi montani, dei villaggi e delle città, che diventano quasi il tema principale delle immagini.

Tuttavia, le storie particolari e quasi romanzesche di Jonathan, ragazzo emarginato dai tratti ruvidi, e i suoi incontri con la popolazione locale giocano un ruolo importante. Oltre ai tibetani e ai compagni di viaggio occidentali, gli incontri più profondi includono anche un ufficiale militare donna della potenza occupante cinese, che l'autore non demonizza ma ritrae in modo umano e preciso.

I suoi viaggi «Vers l'inconnu» (Verso l'ignoto) hanno portato all'autore Cosey fama internazionale e sono stati premiati numerose volte. Tra queste nel 2017 al Festival dei fumetti di Angoulême con il Grand Prix per l'insieme della sua opera. Questo premio è considerato l'Oscar dei fumetti.

Nella retrospettiva a Basilea sono esposti numerosi disegni originali, ma anche acquerelli e tempere, che Cosey ha creato durante i suoi viaggi in Asia. Completano l'esposizione alcuni prestiti provenienti dalla grande collezione tibetana del Museo delle culture di Basilea.

All'improvviso spunta Topolino

Il lavoro di Cosey è chiaramente dominato dalle opere con una linea decisamente realistica e la regione asiatica come sfondo. Perciò i visitatori sono ancora più sorpresi quando improvvisamente, in una stanza, spuntano Topolino e altri personaggi Disney meticolosamente ricreati. In un volume, ad esempio, Cosey racconta la storia di come Topolino incontra e si innamora di Minnie, ovvero la preistoria, per così dire, della relazione trattata nell'originale Disney.

Cosey racconta di essersi candidato per un lavoro alla Disney quando era un giovane grafico, ma di non aver voluto rinunciare alla sua libertà artistica. Tuttavia, non si è lasciato scappare Topolino. «Sono riuscito a ottenere dalla compagnia la licenza per giocare con questi personaggi.»

Il risultato è emozionante ed è visibile insieme a tutti i viaggi nella zona dell'Himalaya, in Vietnam e in India fino a fine febbraio al Museo dei cartoni animati di Basilea.

dosp, ats