La pandemia di Covid sarà davvero finita in un anno?

Di Julian Weinberger

28.9.2021

In Danimarca, i tifosi di calcio hanno già tifato al campionato europeo di calcio senza maschere e senza distanza. Nel frattempo, il paese è arrivato alla normalità.
In Danimarca, gli appassionati di calcio hanno già tifato e festeggiato senza mascherine e senza distanziamento sociale durante gli Europei. Nel frattempo, il paese è praticamente tornato alla normalità.
EPA/Mads Claus Rasmussen

Il CEO di Moderna Stéphane Bancel prevede la fine della pandemia di Covid in un anno. Quanto è realistica questa prospettiva? Ecco ciò che attualmente parla a favore o contro un ritorno completo alla normalità.

Di Julian Weinberger

28.9.2021

«La pandemia di Covid è finita»: è la frase che la gente di tutto il mondo sta aspettando. Secondo il CEO di Moderna, Stéphane Bancel, un ritorno completo alla normalità sarà possibile entro un anno. Ad oggi, presume che la crisi sarà finita nella seconda metà del 2022, ha detto in un'intervista alla «Neue Zürcher Zeitung» (NZZ) venerdì.

Tra le altre cose, il CEO ha citato l'aumento della capacità di produzione di vaccini negli ultimi mesi, aggiungendo: «Entro la metà del prossimo anno, ci dovrebbero essere abbastanza dosi per vaccinare tutti nel mondo». Le immunizzazioni nei bambini saranno presto possibili, oltre a quella  naturale dopo l'infezione con il Covid, secondo Bancel.

Ma quanto è realistica una fine effettiva della pandemia la prossima estate? Dopo tutto, Bancel non è il primo esperto a fare queste previsioni. Albert Bourla, capo del principale concorrente di Moderna, Pfizer, ha predetto nell'aprile 2021 che «la vita normale» sarebbe stata di nuovo possibile già nel tardo autunno.

Nonostante l'attuale rapporto sulla situazione del Covid dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), che certifica una tendenza al ribasso in tutte le cifre chiave rilevanti sulla pandemia, la previsione di Bourla sembra difficile da realizzare.

Un tasso di vaccinazione dell'80% è l'obiettivo

La previsione di Bancel è più in linea con l'opinione di altri esperti. In un'intervista al «Münchner Merkur» alla fine di agosto, il virologo tedesco Klaus Stöhr si aspettava una «importante distensione della situazione» in primavera. Il ministro della salute tedesco Jens Spahn gli ha recentemente fatto eco: «L'immunità di gregge attraverso la vaccinazione e il contagio metterà finalmente in ginocchio la pandemia in primavera».

Se si guarda all'attuale tasso di vaccinazione in Svizzera, secondo l'UFSP, poco meno del 54% della popolazione è stata completamente vaccinata contro il Covid. Quindi c'è ancora molta strada da fare prima di raggiungere l'immunità di gregge, per la quale, secondo gli esperti, è necessario un tasso di vaccinazione dell'80% o più alto.

Secondo i calcoli della NZZ, la Svizzera potrebbe raggiungere questa soglia nel gennaio 2022, a patto di mantenere l'attuale tasso di vaccinazione. Sarebbe raggiunta un po' più velocemente che nella vicina Germania, dove il superamento dell'ostacolo dell'80% è previsto per febbraio.

La Danimarca torna alla normalità

Occhi impazienti probabilmente si rivolgeranno anche a paesi come Danimarca, Gran Bretagna e Paesi Bassi, dove la pandemia è già stata dichiarata finita. Dall'inizio di settembre, l'obbligo della mascherina è stato eliminato in Danimarca, i grandi concerti hanno ripreso a svolgersi, e non è più necessario un certificato Covid.

Il governo danese inoltre ha detto che il Covid-19 non è più una malattia socialmente critica. Le cifre sottolineano una tendenza al ribasso che è stata raggiunta anche grazie agli alti tassi di vaccinazione: Dall'inizio di settembre, l'incidenza di sette giorni è in costante calo.

I Paesi Bassi stanno prendendo una strada simile e aboliranno la distanza di sicurezza di 1,5 metri dal 25 settembre. Inoltre, il requisito della mascherina sarà allentato e gli eventi pubblici - come le partite di calcio e i concerti - potranno essere tenuti con la capienza normale di pubblico.

Tuttavia, il primo ministro Mark Rutte ha invitato alla prudenza quando, una settimana fa, ha annunciato le nuove decisioni: «Questo non è il giorno in cui tutto sarà come prima del Covid, ci sono ancora troppe infezioni e troppe persone vengono ancora ricoverate negli ospedali».

Le mutazioni preoccupano

Questa moderazione non è senza motivo. Un certo numero di varibili imponderabili impedisce ancora una fine prematura del Covid-19. Prima di tutto, nuove mutazioni minacciano i successi nella lotta contro la pandemia. La variante Delta, altamente contagiosa, ha dimostrato quanto radicalmente una variante del virus possa distruggere le previsioni.

Nel mezzo dell'allentamento diffuso dell'estate, il mutante ha devastato l'Europa e in poche settimane è diventato la fonte dominante di infezione, anche in Svizzera. La mutante pone fino al 60% in più di rischio di infezione rispetto alla variante originale, e sono sorti dubbi sul fatto che i vaccini forniscano una protezione sufficiente contro la Delta.

Almeno quest'ultima paura potrebbe essere dissipata. I vaccini contro il Covid-19 riducono il rischio di malattia grave anche è presente un'l'infezione con questa variante. Tuttavia, bisogna notare che i vaccini non forniscono mai una protezione al 100%, come dimostrano gli scienziati.

La variante Mu è più resistente ai vaccini?

Non è ancora chiaro, tuttavia, quali siano le caratteristiche della variante Mu. Il mutante originario della Colombia ha raggiunto la Svizzera all'inizio di settembre. In Sud America, la variante, che a volte è anche chiamata My, è stata rilevata per la prima volta nel gennaio 2021. Da allora, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la proporzione è «costantemente aumentata».

Motivo sufficiente per prendere sul serio Mu. L'OMS ha dichiarato la mutazione una «variante di interesse» all'inizio di settembre. Ancora più importante è stata la valutazione dell'OMS che Mu potrebbe essere particolarmente resistente ai vaccini. Tuttavia, una dichiarazione finale su questo aspetto potrà essere fatta solo dopo ulteriori studi.

«Al momento la pericolosità non può essere valutata definitivamente», ha detto il medico cantonale di Basilea Thomas Steffen in un'intervista a «20 Minuti». «Allo stato attuale, non ci sono indicazioni che Mu si stia spostando», ha aggiunto Gregoire Gogniat, portavoce dell'UFSP. Tuttavia, ha assicurato che gli esperti terranno d'occhio la situazione.

Quasi nessuna protezione vaccinale nei paesi africani

La diffusione della variante Mu evidenzia però un problema che da tempo preoccupa la comunità internazionale: la disuguaglianza globale nella fornitura di vaccini. Mentre i tassi di immunizzazioni nei paesi ricchi e industrializzati dell'Occidente sono ben oltre il 50%, la situazione altrove nel mondo sembra molto meno buona.

In Colombia, per esempio, il paese di origine della variante Mu, solo poco più del 31% della popolazione è completamente protetto contro il Covid, secondo il database di vaccinazione «OurWorldInData».

La situazione è ancora più grave in molti Paesi africani, dove i tassi di vaccinazione sono talvolta vicini allo zero a causa della mancanza di dosi e di infrastrutture mediche. In paesi come Etiopia, Nigeria e Tanzania, nemmeno l'1% della popolazione è completamente vaccinata.

«Disuguaglianza mozzafiato» nella distribuzione dei vaccini

Mentre i Paesi poveri di tutto il mondo ricevono il sostegno dell'iniziativa di aiuto internazionale Covax da diversi mesi, il sistema soffre di ostacoli burocratici e di catene di fornitura lente. «È un crimine morale. È un crimine contro la salute pubblica», ha denunciato ora l'avvocato dei diritti umani Fatima Hassan in un'intervista al giornale germanico Der Spiegel.

Mentre il vaccino è ancora una merce rara in Africa, i richiami vengono già somministrati nei paesi ricchi dell'Occidente. Ma la pandemia di Covid non può essere dichiarata finita fino a quando non si raggiunge una copertura vaccinale sufficiente in tutto il mondo. Fino ad allora, una vita in gran parte normale potrebbe già essere possibile in Europa. Tuttavia, il rischio costante di nuove mutazioni minaccia battute d'arresto.

Se la «disuguaglianza mozzafiato» nella distribuzione dei vaccini continua, l'Africa potrebbe diventare un «terreno di coltura di varianti di Covid resistenti ai vaccini», ha avvertito recentemente Mathsidiso Moeti, direttorice dell'Ufficio regionale africano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): «Il mondo rischia di essere riportato al punto di partenza nella lotta contro il virus».