Austria: nei guai a causa di Google traduttore

ATS

8.5.2019 - 11:30

Google traduttore inaffidabile o tentativo di corruzione? Il tribunale di Innsbruck (Austria) si sta occupando di una vicenda poco comune.
Source: KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

«Io pago bene» oppure «Io pago ben volentieri»? È il quesito del quale si sta occupando il tribunale di Innsbruck, in Austria, dove un cittadino italiano è imputato di tentata corruzione. Il curioso fatto viene raccontato dalla Tiroler Tageszeitung.

Il cuoco, residente in Alto Adige (I) ma originario del sud Italia, la scorsa estate è stato trovato in stato di ebbrezza alla guida della sua vettura durante un controllo in Tirolo (A). Non parlando né tedesco né inglese, l'automobilista ha comunicato con i poliziotti austriaci utilizzando Google traduttore sullo smartphone.

Quando gli agenti gli hanno comunicato il ritiro della patente e una multa di 900 euro (poco più di 1000 franchi al cambio attuale), lui avrebbe risposto, scrivendo sul telefonino «Io pago ben» («Ich bezahle gut»), che è stato interpretato dai poliziotti austriaci come un tentativo di corruzione. L'italiano sostiene invece di aver scritto «Io pago ben volentieri», ovvero la sua disponibilità a pagare la multa. La giudice, prima di emettere la sentenza, intende sentire come teste un'altra poliziotta.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS