Il «San Jose» affondò nel 1708

Nuove immagini del tesoro segreto da un miliardo di dollari

phi

2.7.2022

La Marina colombiana ha inviato un robot subacqueo sul relitto del San Jose, mostrando nuove immagini del galeone affondato nel 1708, il cui carico si dice valga fino a 17 miliardi di dollari.

phi

2.7.2022

È un relitto che vale miliardi: nel 2015 la Colombia ha annunciato di aver scoperto il leggendario San Jose, affondato sul fondo del Mar dei Caraibi nel 1708 carico di ricchezze. Ora la Marina militare nazionale ha inviato un robot subacqueo a circa 950 metri di profondità, mostrandoci nuove immagini del galeone spagnolo.

Il San Jose era partito per il Nuovo Mondo da Cadice nel 1706, raggiunse la Colombia dopo un mese e mezzo e lì entrò a far parte della flotta d'argento che raccoglieva i tesori delle colonie per rispedirli al re spagnolo due volte all'anno.

All'inizio del 1708, la San Jose salpò per Portobelo, a Panama, dove caricò oltre 200 tonnellate di oro e argento provenienti dalle miniere della Bolivia e 116 casse di pietre preziose estratte in Perù. Si diresse quindi a Cartagena, in Colombia, dove si riunì con altre navi per salpare verso la Spagna. La flotta era composta da 14 velieri mercantili e tre galeoni armati.

Oro e vasi del San Jose.
Oro e vasi del San Jose.
Screenshot da Youtube

Attacco inglese fallito

La San Joaquín e la Santa Cruz avevano ciascuna 44 cannoni, ma la San José ne aveva addirittura 64, il che la rendeva l'ammiraglia. Le 17 imbarcazioni salparono da Cartagena, in Colombia, nel giugno del 1708, ma non sarebbero andate lontano: l'Inghilterra era in guerra con la Spagna e la Royal Navy aspettava solo di catturare le navi della flotta del tesoro.

L'8 giugno, gli inglesi al comando del capitano Charles Wagner avvistarono il nemico e iniziò la battaglia navale. Dopo un'ora e mezza di combattimento, la nave inglese più grande, la Expedition con 70 cannoni, si avvicinò alla San Jose per abbordarla. Ma quando ci furono solo 60 metri tra le parti, la camera a polvere del galeone esplose.

Il San Jose affondò in brevissimo tempo e portò con sé 578 marinai. Solo undici di essi sopravvissero alla battaglia. La Royal Navy fu più fortunata nell'inseguimento della Santa Cruz. Il problema: dopo l'abbordaggio, gli assalitori scoprirono che questo galeone non aveva tesori a bordo, a differenza del San Joaquín che, come la maggior parte delle altre navi, riuscì a fuggire a Cartagena.

Stoviglie incredibilmente ben conservate nel sito.
Stoviglie incredibilmente ben conservate nel sito.
Screenshot da YouTube

Il «Santo Graal dei naufragi»

Visto il prezioso carico, la San Jose è stata fin da subito considerata il «Santo Graal dei naufragi» e molti cercatori di fortuna la cercarono fino al 1981, quando un gruppo di investitori statunitensi sostenne di aver trovato il luogo in cui la San Jose fu affondata.

Ne seguì una battaglia legale, la Colombia cambiò le leggi e nel 2015 venne finalmente stabilito che il relitto era di proprietà di Bogotà. Nel novembre dello stesso anno, la marina colombiana scoprì la nave.

La posizione del ritrovamento è un segreto di Stato, il relitto è dichiarato patrimonio culturale nazionale. Ora, quando emergono nuove immagini del sommergibile, il presidente Ivan Duque ne parla in prima persona in TV. Oltre al San Jose, la Marina scopre altri due relitti nelle vicinanze, uno dei quali si dice abbia 200 anni.

La Colombia vorrebbe sollevare il San Jose ed esporre i tesori nel museo. Il costo è stimato in 70 milioni di dollari. Il pagamento dell'impresa, tuttavia, non dovrebbe essere un problema dato il carico.