Panama e il canale della grazia statunitense

Di Philipp Dahm

10.2.2021

I lavori per realizzare il canale di Panama ebbero inizio 140 anni fa. L'opera, che sconvolse diversi Paesi e provocò migliaia di morti, rappresenta una delle meraviglie moderne del mondo e, ogni anno, frutta miliardi allo Stato di Panama.

Già gli spagnoli speravano di trovare un passaggio tra l'Atlantico e il Pacifico sull'istmo di Panama. Eppure, quando nel XVI secolo stabilirono che non vi fossero vie marittime, Filippo II proibì la progettazione di un canale sotto minaccia della pena di morte, in quanto riteneva che una simile opera fosse contraria all'ordine divino.

L'idea fu riproposta solo nel XIX secolo. Gli ingegneri furono ispirati dall'inaugurazione del canale di Suez nel 1869, primo tra tutti Ferdinand de Lesseps, che aveva partecipato alla realizzazione della via d'acqua egiziana: il francese sembrava predestinato a imprimere una svolta anche nella costruzione del canale progettato in America.

A maggio del 1879, la più antica associazione di geografi al mondo conferì l'incarico al settantaquattrenne Lesseps: un anno più tardi, l'imprenditore stimò un tempo di costruzione di otto anni e, a seconda delle fonti, costi tra i 658 e gli 843 milioni di franchi. Il progetto si sarebbe rivelato la rovina di Lesseps e di migliaia di investitori, che avevano acquistato azioni della società del canale di Panama per 458 milioni di franchi.

Prima diplomatico, poi imprenditore e, infine, caduto in miseria: Ferdinand de Lesseps in un dipinto non datato.
Gemeinfrei

Infatti, dopo l'inizio dei lavori l'1 febbraio 1881, emerse rapidamente come Panama fosse difficilmente paragonabile all'Egitto: il canale di Suez attraversa un deserto pianeggiante, ma le condizioni erano completamente diverse in America centrale. I dislivelli di gran lunga superiori, un fiume impetuoso e la giungla impenetrabile rendevano difficili i lavori.

Un cantiere mortale

Le frane, un terremoto e diverse malattie riscossero il loro tributo: nel 1889, solo due quinti del canale erano stati completati, ma i fondi erano esauriti. L'opera aveva mietuto circa 22'000 vittime: di queste, 5000 erano europei, benché il 90% degli operai fosse costituito da neri di origine caraibica.

I lavori del canale di Panama sotto la direzione francese: l'immagine risale al periodo tra il 1881 e il 1889.
Gemeinfrei

La società del canale di Panama fu costretta a richiedere la dichiarazione di fallimento nel 1889. Una lotteria avrebbe dovuto colmare il buco nella cassa: alcuni giornalisti furono corrotti per insabbiare l'accaduto, mentre i pagamenti ai politici garantirono la concessione dell'autorizzazione per la lotteria.

Tra il 1892 e il 1893, lo scandalo portò al collasso di tre governi in Francia e alimentò l'antisemitismo a causa del coinvolgimento di finanziatori ebraici. Lesseps fu tra i pochi a essere condannato alla detenzione e al pagamento di un'ammenda per corruzione, anche se la sentenza fu annullata da una corte d'appello. Morì poco dopo nel 1894.

La diplomazia statunitense delle cannoniere

Dopo una simile miseria, non stupisce la decisione della Francia di abbandonare le proprie ambizioni a Panama. Il progetto riguardava comunque un territorio molto vicino a un'altra grande potenza, che aveva osservato l'opera iniziata ed esaminato un percorso alternativo attraverso il Nicaragua. Grazie a questo strumento di pressione, il prezzo richiesto per la terra e gli attrezzi scese da 109 a 40 milioni di dollari. Nel 1902, gli Stati Uniti assunsero il controllo del maxiprogetto.

Per Washington, il collegamento tra Atlantico e Pacifico era una questione di interesse nazionale: il canale avrebbe chiaramente accelerato la tratta navale dalla costa orientale a quella occidentale e agevolato enormemente la difesa del Paese dal mare. Il presidente Theodore Roosevelt avviò le trattative con la Colombia, cui apparteneva la provincia di Panama. Il contratto di gestione negoziato, però, fu bocciato dal Parlamento di Bogotà nel 1903.

Roosevelt improvvisò e comunicò ai nazionalisti panamensi che gli Stati Uniti li avrebbero sostenuti qualora avessero deciso di dichiarare l'indipendenza. La separazione dalla Colombia fu annunciata il 3 novembre 1903 e fu seguita tre giorni più tardi dal riconoscimento, mentre il 18 novembre fu concluso un accordo tra il giovane Stato e gli Stati Uniti. Panama ricevette una garanzia statale per il versamento una tantum di 10 milioni di dollari (oggi circa 296 milioni di dollari) e di un canone di affitto annuale di 250'000 dollari.

Vignetta dell'epoca pubblicata nel 1903 sul «New York Times».
Gemeinfrei

Fu un ferroviere a gettare le basi per il successo dell'opera

In cambio, però, il nuovo Stato rinunciava alla propria sovranità non solo sul canale, bensì anche sul territorio che si estende per otto chilometri su ogni lato. Gli statunitensi assunsero rapidamente il controllo dell'area del canale: il primo ingegnere rinunciò velocemente all'incarico, ma fu il suo successore a gettare le fondamenta per il successo dell'opera. Nel 1905, subentrò John Frank Stevens, che si era conquistato una reputazione grazie alla realizzazione della ferrovia delle Montagne Rocciose.

Stevens modificò tutte le infrastrutture e fece costruire baracche, vie e strade ferrate ordinate. Invenzioni e brevetti agevolarono gli scavi: fu realizzata una nuova ferrovia con binari completi e, grazie a un nuovo dispositivo, i vagoni carichi di terra scaricavano automaticamente il proprio peso. I lavori a Panama furono così automatizzati il più possibile.

Stevens riuscì anche a dissuadere Theodore Roosevelt dall'idea di costruire un canale a livello del mare. L'ingegnere si rese conto che il progetto non era realizzabile senza chiuse. L'importanza dell'opera emerge chiaramente dalla visita di Roosevelt nel 1906, durata tre giorni: si tratta della prima visita all'estero mai intrapresa da un presidente in carica.

Il presidente americano Theodore Roosevelt siede su una modernissima scavatrice presso il cantiere di Panama nel 1906.
Il presidente statunitenseTheodore Roosevelt siede su una modernissima scavatrice presso il cantiere di Panama nel 1906.
Keystone

L'esercito statunitense assume il controllo

Ciononostante, il maxiprogetto si rivelò troppo anche per Stevens e, dopo le sue dimissioni, fu chiamato qualcuno che non potesse licenziarsi: l'ingegnere dell'esercito George Washington Goethals e la sua squadra completarono il canale, che fu attraversato per la prima volta nel 1914. La via d'acqua, che si estende per 82 chilometri, riduce la tratta da New York alla California di circa 13'000 chilometri.

Con il canale di Panama, gli Stati Uniti realizzarono una delle sette meraviglie del mondo industrializzato. Perché riuscirono dove i francesi avevano fallito? Fu il progresso a offrire i presupposti per un'impresa davvero colossale solo a cavallo del secolo.

Lesseps fu innanzitutto costretto ad aprirsi un passaggio attraverso una folta giungla che mise alla prova i francesi quanto il calore bruciante e il clima costantemente piovoso. All'inizio, sul cantiere imperversarono malattie come il tifo, la febbre gialla e la malaria.

Il progresso ha reso possibile l'opera

Secondo i medici, erano i miasmi della putrefazione a provocare la diffusione della malaria. Per respingere ragni, serpenti e insetti velenosi, i pali dei letti venivano immersi in ciotole d'acqua: così facendo, le zanzare, vettori del letale agente patogeno, crescevano direttamente sotto gli operai addormentati. Delle 24 suore che, dal 1881, iniziarono ad assistere i malati in loco, ne sopravvissero solo due.

Nel 1905, la scienza aveva compiuto progressi. Le infrastrutture sanitarie e l'igiene svolsero un nuovo ruolo nel cantiere. In questo modo e grazie alle innovazioni tecniche, fu possibile realizzare un'opera le cui dimensioni stupiscono ancora oggi: nel 1914, era costata agli Stati Uniti altri 375 milioni di dollari, che oggi corrispondono, al netto dell'inflazione, a 9,76 miliardi di dollari.

La moderna meraviglia artificiale, iniziata dai francesi e portata a compimento dagli statunitensi, appartiene attualmente a Panama: nel 1999, gli Stati Uniti restituirono la sovranità al Paese, al quale il canale frutta miliardi ogni anno.

Tornare alla home page