Quali sono le cascate più belle?

dpa

16.11.2020 - 12:21

Quali sono le cascate più belle del mondo? Il primo posto se lo contendono le cascate Vittoria in Africa e le cascate d’Iguazú in America del Sud. Un confronto soggettivo.

Passo dopo passo, il mormorio costante diventa più forte. Si trasforma in un fruscio, poi in un gorgogliare mostruoso e assordante. La schiuma si libra sopra il verde della foresta pluviale. Finalmente la vista si schiarisce e la vegetazione lascia il posto a scroscianti pareti d'acqua. Il sole fa apparire gli arcobaleni. Di quali famose cascate stiamo parlando? Non di un solo sito.

Le sensazioni visive e acustiche che si provano mentre ci si avvicina alle cascate Vittoria in Africa e alle cascate d’Iguazú in Sud America sono le stesse. Ma quale di questi due giganti è il più spettacolare?

1. Nome e geografia

Il Brasile e l’Argentina condividono quella meraviglia acquatica sudamericana che si scrive Iguazú dal lato argentino e Iguaçu da quello brasiliano. Originario della lingua degli Indiani Guarani con il significato di «grande acqua», questo nome è senza dubbio appropriato. Lo spagnolo Álvar Núñez Cabeza de Vaca fu il primo europeo a scoprire le cascate nel 1542 e le ribattezzò Santa Maria ma il nome coloniale non è sopravvissuto.

I punti di partenza per una visita alle cascate sono la città brasiliana di Foz do Iguaçu e quella di Puerto Iguazú in Argentina. Poiché i due lati non sono collegati, si crea inevitabilmente una grande ansa. Il Brasile promette una vista d’insieme più compatta mentre all’Argentina spetta la parte più grande.

Le cascate Vittoria, al confine tra Zimbabwe e Zambia, soffrono ancora di una sfortunata sovrapposizione di nomi risalenti al missionario ed esploratore scozzese David Livingstone (1813-1873). La maggior parte delle cascate si trova nello Zimbabwe ed è possibile soggiornare nella città di Victoria Falls, da cui le cascate sono raggiungibili a piedi.

La città e le cascate sono state così battezzate in onore della regina Vittoria (1819-1901). Nelle foto d'epoca, la sovrana britannica sembra piccola e severa, attributi che non corrispondono esattamente all'immagine delle cascate. Il vero nome delle cascate Vittoria, Mosi-oa-Tunya («il fumo che tuona»), non è oggi molto diffuso.

Conclusione: per ora è un pareggio. Tuttavia, le cascate d'Iguazú hanno il vantaggio di aver mantenuto il nome originario degli indigeni.

2. Accessibilità e affluenza

Le Cascate d’Iguazú sono molto più facili da raggiungere rispetto alle Cascate Vittoria grazie ai buoni collegamenti con autobus e aerei, il che è allo stesso tempo uno svantaggio. Le cascate sono infatti spesso affollate. In anni normali, si contano milioni di visitatori.

In confronto, alle cascate Vittoria regna la calma. È più probabile che i viaggiatori non debbano condividere sentieri e scorci con la folla. Qui l'atmosfera è più piacevole.

3. Fatti e cifre

Provenendo dalla Serra do Mar in Brasile, le rapide e l'allargamento del Rio Iguaçu formano un preludio fin quando il fiume scorre su un'immensa area basaltica a forma di U. A seconda della stagione e del livello dell’acqua, fino a 275 cascate di dimensioni variabili sono distribuite su un sistema compartimentato largo 2,7 chilometri, interrotto da isole. Altezza massima di caduta: 82 metri.

Lo Zambesi, il quarto fiume più lungo dell'Africa, scorre fino a quando non può più essere contenuto e sfocia nelle cascate Vittoria. Le cascate si estendono per 1,7 chilometri e l'acqua può scendere fino a 108 metri, quindi è una vittoria per l'altezza. Tuttavia, in termini di quantità media di acqua al secondo, le cascate Vittoria (1.100 m3) sono in ritardo rispetto alle cascate d'Iguazú (1.746 m3).

Conclusione: ciò che è più ampio e voluminoso a volte fa un'impressione maggiore. Questa regola che vale per l'Homo sapiens può essere applicata anche alle cascate. Ecco perché il punto torna alle cascate di Iguazú.

4. L’intervento umano

I sentieri di visita delle due cascate sono piacevoli e immersi nella natura. Ma non possono essere evitati. Sul lato argentino delle cascate di Iguazú, c'è persino un treno che attraversa la giungla, mentre nelle vicinanze ci sono gruppi di hotel, passaggi panoramici e negozi. Anche in questo caso i dintorni delle cascate Victoria sono più naturali.

Conclusione: per quanto riguarda l’autenticità, vincono le cascate Vittoria.

5. Panorami diabolici

Chi non vorrebbe guardare nella bocca del principe dell’inferno? Sul versante argentino delle cascate d'Iguazú, il miglior punto panoramico è davanti alla «Gola del Diavolo» (Garganta del Diablo), profonda 82 metri, che inghiotte la maggior parte della massa d'acqua.

Stare il più vicino possibile alla balaustra, prendere la schiuma e il fragore che esplodono in faccia e non sentirsi nemmeno più la propria voce: questa esperienza rimane impressa nella memoria di ogni visitatore.

Al contrario, la «Cataratta del diavolo» (Devil’s Cataract) delle cascate Vittoria, situata nello Zimbabwe e alta 70 metri, è piuttosto innocua. Che si stia al di sopra da un lato o davanti al livello dei punti panoramici, si mantiene automaticamente una certa distanza di sicurezza.

Gli amanti delle emozioni forti possono, tuttavia, prenotare una gita alla «Piscina del Diavolo » (Devil’s Pool), un sito naturale sul lato dello Zambia, visitabile solo durante i mesi più secchi, di solito da settembre a dicembre. Questo bacino è una piscina a sfioro di un tipo speciale: si estende fino al bordo delle cascate e una parete rocciosa sotto la superficie dell'acqua impedisce ai bagnanti di essere trascinati via.

Conclusione: il Diavolo delle cascate d’Iguazú è anche all'avanguardia in termini di fascino visivo poiché l'esperienza è possibile tutto l'anno. D'altronde, le sensazioni offerte dalla piscina dello Zambia non sono alla portata di tutti.

5. Incontri con gli animali

Le farfalle danzano, gli uccelli cinguettano, le formiche si agitano per terra: l'immagine è simile in entrambi i siti. Ma le cascate dell'Iguazú offrono anche la possibilità di incontrare i coati. Con la coda all'insù, a volte si mescolano ai bipedi e mettono gli occhi sulle loro provviste. Questi adorabili animali sono sì selvaggi, ma fotogenici.

Conclusione: un punto per l’America del Sud.

7. Foto

Le viste frontali di grande formato delle cascate Vittoria sono difficili da battere e sono perfettamente accessibili dai sentieri sul lato opposto della gola: le cascate principali, le cascate del Ferro di Cavallo, quelle dell’Arcobaleno di 108 metri di altezza e le cascate della Poltrona dell’Angelo formano un allineamento spettacolare. Ma non sono imbattibili.

In effetti, le cascate d'Iguazú offrono una maggiore varietà, con cambi di prospettiva che consentono l'osservazione da vicino o da lontano e una rete di sentieri molto più ampia. Questo è particolarmente vero per la parte argentina con il cavalcavia (Paseo Superior) e il sottopasso (Paseo Inferior), dove possiamo vedere muri d'acqua come le Due Sorelle (Dos Hermanas) dirigersi dritti verso di noi. E in qualsiasi momento, ci si può trovare nelle immediate vicinanze delle cascate, inclusa la Gola del Diavolo.

Conclusione: per quanto riguarda le foto, i vincitori sono le cascate d’Iguazú, non solo perché gli scatti riempiono più spazio in memoria, ma anche perché le barriere sono più affidabili. Alle cascate Vittoria, alcune delle barriere che impediscono l'accesso alla gola sono costituite da spine all'altezza del ginocchio. E dietro le rocce spesso scivolose di Danger Point, la discesa non è nemmeno protetta. Si consiglia cautela agli appassionati di selfie.

8. Refrigerio gratuito

Sia in Africa che in Sud America, i visitatori a volte si sentono come se qualcuno avesse aperto la doccia. Le nebbie d'acqua che salgono a volte lasciano un po' di Zambesi o Rio Iguaçu sulla pelle, o anche molto. Meglio portare qualche protezione antipioggia!

Conclusione: entrambi gli effetti doccia si equivalgono – parità.

9. Prezzo

L'ingresso al Parco nazionale d'Iguazú in Argentina costa 800 pesos (circa 9,20 franchi), mentre l'equivalente brasiliano è di 75,60 reais (circa 12,20 franchi). L'accesso alle cascate Vittoria costa 30 dollari statunitensi (circa 27 franchi) in Zimbabwe e 20 dollari (circa 18 franchi) in Zambia. Per l'ingresso nello Zimbabwe vengono aggiunte le tasse per i visti.

Conclusione: il Sud America è in vantaggio.

Valutazione globale

Sulla base dei punti assegnati attraverso questo sistema di valutazione, il primo posto va alle cascate d'Iguazú. Tuttavia, le cascate Vittoria sono meno affollate e forse un po’ più autentiche, anche se l'autenticità è ovviamente un criterio soggettivo.

Ma in fin dei conti, vedere anche solo uno di questi due siti nella vita è già un privilegio.

Tornare alla home page