Quanto è dannoso il tuo riscaldamento? Un confronto tra emissioni e costi

di Stefan Michel

15.11.2021

Dove c'è fumo, c'è calore. La maggior parte delle case svizzere sono riscaldate con olio o gas.
Dove c'è fumo, c'è calore. La maggior parte delle case svizzere sono riscaldate con olio o gas.
Keystone

Utilizziamo gran parte della nostra energia per produrre calore. È quindi importante sapere che la scelta del sistema di riscaldamento nelle nostre abitazioni può far risparmiare CO2. E se i prezzi continuano a svilupparsi in questo modo, anche molti soldi.

di Stefan Michel

15.11.2021

Negli ultimi 10 giorni si è parlato tanto dei leader mondiali riunitisi alla Cop26 di Glasgow per trovare misure per frenare il cambiamento climatico e sui risultati non proprio esaltanti che i potenti hanno raggiunto. E voi? Vi siete chiesti come potete contribuire nel vostro piccolo? Se è così, la risposta è semplice agire su due fattori: la mobilità e il riscaldamento domestico, che sono gli elementi che producono maggiormente emissioni di CO2, circa il 30% ciascuno.

Con il rapido aumento dell'elettromobilità, molto è cambiato negli ultimi anni sulle strade. Il sistema di riscaldamento, invece, sta cambiando un po' meno rapidamente. E questo è imputabile al fatto che la Svizzera è una Nazione di locatari, dunque la maggior parte delle persone non ha possibilità di decidere quale fonte di energia debba riscaldare le proprie stanze e l'acqua.

Tuttavia, vale la pena dare un'occhiata al bilancio di CO2 dei vari sistemi di riscaldamento e delle fonti di energia. È anche interessante dare uno sguardo collaterale ai costi, dal momento che l'affermazione «proteggere l'ambiente costa» non si applica più. Ecco quindi una panoramica.

Quali sistemi di riscaldamento sono disponibili?

L'olio è ancora la prima fonte di energia nelle sale caldaie svizzere. Il gas naturale è propagandato come un'alternativa ecologica, ma il sottoprodotto della produzione del petrolio è anch'esso di natura fossile e rilascia CO2 quando brucia, anche se circa un quarto in meno rispetto al gasolio da riscaldamento.

Nei nuovi edifici, oggi, vengono spesso installate pompe di calore che estraggono il calore dall'ambiente e lo usano per il riscaldamento. Ci sono pompe di calore che utilizzano il calore geotermico e quelle che lo estraggono dall'aria esterna.

Sta tornando in voga anche la forma moderna del buon vecchio riscaldamento a legna. Oggi, tuttavia, i pellet di legno (ossia segatura pressata) sono spesso aggiunti alla camera di combustione. Bruciare il legno è CO2-neutro perché l'albero che era una volta ha immagazzinato CO2 durante la sua vita. E questo viene rilasciato nuovamente quando il legno viene bruciato. Tuttavia, questo accade anche quando il legno non viene bruciato, ma marcisce nella foresta.

Da ultime, ma non meno importante, ci sono le reti di teleriscaldamento che utilizzano il calore residuo degli impianti di incenerimento dei rifiuti, dei cementifici, di altri impianti industriali o anche dei negozi. Il calore che altrimenti sfuggirebbe nell'ambiente viene immesso nei sistemi di riscaldamento degli spazi abitativi. Quanta CO2 viene rilasciata nell'ambiente dipende dalla fonte di energia. Tuttavia, questo calore viene prodotto comunque e non ci sono ulteriori emissioni di CO2 quando l'aria calda viene utilizzata in seconda battuta negli spazi abitativi.

Quanto costa il calore?

L'aumento dei costi energetici è un problema soprattutto nei paesi a noi vicini, ma colpisce anche la Svizzera, pur se in misura minore.

Il gasolio da riscaldamento è stato il combustibile più costoso nel 2021, mentre il pellet è diventato addirittura più economico dall'inizio dell'anno. Tuttavia, a seconda del sistema di riscaldamento, i costi per la fonte di energia costituiscono la parte minore dei costi annuali.

Le differenze di prezzo sono molto più piccole delle differenze nelle emissioni di CO2. Il sistema più costoso è la combustione di pellet di legno, quindi la soluzione più ecologica costa di più. Al contrario, le due pompe di calore, che sono anche molto basse in termini di emissioni, sono i sistemi più economici.

Rispettoso del clima e conveniente: è quindi possibile?

Per riassumere: se cercate l'optimum tra prezzo ed ecologia, dovrete propendere per una pompa di calore. Da notare però che queste richiedono una quantità considerevole di elettricità. In Svizzera, questo è relativamente green grazie alla sua forte energia idroelettrica, ma contiene sempre una buona parte di energia nucleare.

In linea di principio, l'energia nucleare è anche neutra in termini di CO2, ma si porta dietro il problema dello stoccaggio delle scorie nucleari, che è irrisolto da decenni.

Se nei prossimi anni tutti i sistemi di riscaldamento a olio e a gas in Svizzera fossero sostituiti da sistemi a basse emissioni, la Confederazione ridurrebbe le sue emissioni di CO2 di più di un terzo. Certo, non sarebbe ancora neutrale per il clima, ma sarebbe molto più pulito di oggi.