Sci e snowboard: forze fino a 1,7 G, Suva

pl, ats

9.12.2020 - 14:10

Sci e snowboard: la Suva invita a ridurre la velocità per evitare infortuni.
Keystone

Chi pratica lo sci o lo snowboard mette a due prova il proprio corpo: un'apposita App lanciata dalla Suva ha rivelato che il 65% degli sciatori si sottopone a forze che superano di 1,5 volte il proprio peso corporeo.

Il coronavirus mette gli appassionati di sport invernali di fronte a nuove sfide, scrive oggi in una nota l'assicurazione nazionale contro gli infortuni (Suva). Oltre a rispettare i piani di protezione per contenere la diffusione del virus è importante evitare possibili infortuni in pista «per non pesare ulteriormente sul sistema sanitario nazionale».

Per valutare eventuali comportamenti a rischio sulle piste da sci e «fornire indicazioni su come adattare il proprio stile di discesa», la Suva ha lanciato un anno fa la App «Slope Track». Quest'ultima utilizza i dati GPS e la tecnologia dei sensori per calcolare la cosiddetta «forza G», come viene comunemente indicata l'accelerazione gravitazionale di un corpo.

Risultato: sulla base dei dati che si riferiscono a 130'000 discese, è emerso che il 65% degli sciatori e il 58% degli snowboarder sottopone il proprio corpo ad una forza superiore a 1,5 G. Il valore di sollecitazione più elevato in una discesa media si aggira intorno a 1,7 G. E in quasi un quarto delle corse sono stati superati i 2 G.

Quanto più veloce e tortuosa è la corsa – scrive la Suva in una nota – tanto maggiore è lo sforzo fisico. L'esame dei dati ha mostrato che gli uomini raggiungono velocità e valori di sollecitazione nettamente più elevati rispetto alle donne.

Per evitare di sottoporre il corpo a sollecitazioni troppo elevate, l'assicurazione contro gli infortuni raccomanda di non superare la velocità di 30 chilometri orari. La velocità media rilevata da «Slope Track» è di 28 km/h, con punte che raggiungono però i 60 km/h.

Tornare alla home page

pl, ats