Frontex

Terremoto al vertice, dimissioni del direttore

SDA

29.4.2022 - 19:49

epa09917086 Frontex headquarters in Warsaw, Poland 29 April 2022. According to a press release by the EU Commission on 29 April 2022, Executive Director of the European Border and Coastguard Agency (Frontex), Fabrice Leggeri has resigned with immediate effect. Deputy Executive Director of Frontex, Aija Kalnaja will assume the lead of the agency with immediate effect, the statement added. EPA/Marcin Obara POLAND OUT
epa09917086 Frontex headquarters in Warsaw, Poland 29 April 2022. According to a press release by the EU Commission on 29 April 2022, Executive Director of the European Border and Coastguard Agency (Frontex), Fabrice Leggeri has resigned with immediate effect. Deputy Executive Director of Frontex, Aija Kalnaja will assume the lead of the agency with immediate effect, the statement added. EPA/Marcin Obara POLAND OUT
KEYSTONE

Il direttore esecutivo di Frontex, Fabrice Leggeri, si è dimesso. Francese, 54 anni, diplomato a Sciences Po e all'École normale supérieure, il gotha dell'istruzione transalpina, era finito nel mirino del Parlamento Europeo con l'accusa di una gestione troppo muscolare dell'agenzia di controllo delle frontiere Ue, che guidava dal 2015.

SDA

29.4.2022 - 19:49

Non solo. L'OLAF – l'ufficio europeo per la lotta antifrode – aveva aperto un'indagine a carico suo e di altri dirigenti dell'agenzia, conclusa nel febbraio scorso. Il board di Frontex si era riunito proprio per affrontare la questione. Ma Leggeri ha chiuso la partita ancor prima del fischio d'inizio, con una lettera d'addio.

Il consiglio d'amministrazione, preso atto della volontà di lasciare del direttore, ha affidato la guida ad interim (dunque accettando le dimissioni) alla vice Aija Kalnaja, raccomandandosi alla Commissione Ue di procedere con una nomina sostitutiva e poi con il bando d'assunzione del nuovo direttore.

Il board di Frontex ha poi fatto sapere, attraverso una nota, «che l'avvio di ulteriori procedimenti contro Leggeri in relazione al rapporto dell'OLAF del 15 febbraio non è più necessario, poiché il loro esito non influirà più sulla posizione del direttore esecutivo» – ma intraprenderà i prossimi passi previsti dalla legge per quanto riguarda gli altri due membri del personale menzionati nella relazione dell'OLAF.

Al terremoto segue però l'imbarazzo

Al terremoto segue però l'imbarazzo. Perché Frontex è da tempo al centro di aspre critiche, non solo dell'Eurocamera ma anche delle organizzazioni umanitarie, per la strategia di tolleranza zero verso i migranti, procedendo – questa è l'accusa – con respingimenti illegali, in quanto contrari alle stesse norme Ue sul diritto d'asilo.

La lettera di dimissioni, forse non a caso, è stata datata lo stesso giorno in cui un consorzio internazionale di giornalisti ha rivelato, ieri, come lo stesso database di Frontex mostri che l'agenzia è direttamente coinvolta nei respingimenti di almeno 957 richiedenti asilo nel Mar Egeo tra marzo 2020 e settembre 2021. Evidentemente si è trattato dell'ultima goccia.

Stando al Guardian, l'OLAF aveva accusato Leggeri di coprire «le violazioni dei diritti umani». «La Commissione – si legge in una nota – prende atto delle dimissioni con effetto immediato di Leggeri e procederà rapidamente all'assunzione e alla nomina di un nuovo direttore esecutivo: è prioritario disporre di una guardia di frontiera e costiera europea forte, efficace e ben funzionante».

SDA