Trovato l'accordo al Cop26, ma la Svizzera è furiosa e l'ONU delusa

ATS / sam

14.11.2021

Simonetta Sommaruga, a member of the Swiss Federal Council speaks at the COP26 U.N. Climate Summit in Glasgow, Scotland, Thursday, Nov. 11, 2021. (AP Photo/Alastair Grant)
Simonetta Sommaruga durante un suo intervento al vertice Cop26 di Glasgow.
AP

COP26, il vertice di Glasgow sul clima, è finito sabato sera con un accordo, anche se annacquato all'ultimo minuto. L'intesa chiede di accelerare gli sforzi verso una «riduzione graduale», piuttosto che «un'uscita», dal carbone. La Svizzera è furiosa e il segretario generale dell'ONU è deluso.

ATS / sam

14.11.2021

Dopo quasi due settimane di vertice, tutto si è risolto in pochi minuti sabato per i quasi 200 Stati presenti nel Regno Uniti. I paesi maggiori consumatori di carbone, India e Cina, hanno silurato il progetto di dichiarazione, che era già stato limato durante tutta la settimana.

La Svizzera è «molto delusa» dalla modifica dell'ultimo minuto della bozza del documento finale della Cop26 sull'abbandono del carbone. La consigliera federale Simonetta Sommaruga ha denunciato «una manovra inaccettabile».

A nome del gruppo di cinque paesi che rappresenta nei negoziati, Sommaruga ha detto che la decisione non consentirà di mantenere l'obiettivo di limitare il riscaldamento climatico a 1,5 gradi entro il 2100.

Il primo ministro britannico Boris Johnson aveva espresso il desiderio di un compromesso che mantenesse questo obiettivo il più possibile. 

«Emergenza» mantenuta secondo Guterres

Il pacchetto «fa progredire le cose per tutti», ha detto - dal canto suo - il presidente della Cop26 Alok Sharma. Ha anche sottolineato che il mandato conferito al suo capo di Governo è stato onorato. Ma - in una mossa più unica che rara - si è scusato formalmente per i cambiamenti dell'ultimo minuto, riconoscendo a malincuore le critiche svizzere.

La parte sul carbone avrebbe dovuto essere approvata senza restrizioni e avrebbe dovuto includere il petrolio e il gas, ha detto il WWF. «Ma è stato dato un segnale che l'era del carbone sta per finire. E questo è importante», ha detto il direttore esecutivo di Greenpeace International.

Il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres ha però lamentato la necessità di «uscire dal carbone» e di «eliminare i sussidi ai combustibili fossili». Dopo l'esito della Cop, ha chiesto «urgenza» perché il mondo si sta ancora dirigendo verso il «disastro climatico».

L'accordo di Glasgow incoraggerà un'ondata di greenwashing, secondo l'attivista Greta Thunberg. Nella dichiarazione finale, viene riaffermato l'obiettivo di 1,5°C, 2°C massimo. Gli Stati dovranno lavorare per una riduzione del 45% delle loro emissioni entro il 2030 rispetto al 2010 e la neutralità del carbonio entro il 2050.

Il problema è che la Cina e l'Arabia Saudita prevedono di essere neutrali al carbonio solo entro il 2060 e l'India entro il 2070. Gli Stati dovranno tornare l'anno prossimo con ambizioni più alte per allinearsi agli obiettivi dell'accordo di Parigi. Ma anche qui, «circostanze nazionali speciali» sono previste nel documento finale. «La cosa più importante è rinviata» di un anno, deplora il WWF Svizzera.

Disconnessione con gli attivisti

Tuttavia, i recenti annunci degli Stati ci permetterebbero, nella migliore delle ipotesi, di raggiungere 1,8°C, anche se lo studio considerava i più gravi arrivi a 2,4°C. Lunedì, l'ONU ha mantenuto la sua stima di 2,7°C.

Tra i successi, la Cop26 è riuscita ad adottare diverse regole per l'attuazione dell'accordo di Parigi. Il calendario comune è stato approvato e prevede che tutti i paesi annuncino «contributi nazionali» ogni cinque anni a partire dal 2030 per i prossimi dieci anni e anche dal 2025 per chi può.

Sommaruga era stata incaricata, insieme al suo omologo ruandese per l'ambiente, di trovare una soluzione accettabile per tutti. Su un'altra di queste regole, la Svizzera è riuscita a preservare uno dei suoi principali obiettivi a Glasgow, l'impossibilità di un doppio conteggio delle riduzioni delle emissioni di gas a effetto serra quando sono effettuate all'estero.

«Siamo stati in grado di evitare il peggio», aveva detto Sommaruga venerdì. Anche se la decisione finale contiene ancora una scappatoia. Nonostante i successi per la Svizzera, «non possiamo essere soddisfatti» di questo Cop, ha aggiunto la consigliere federale.

La conferenza ha anche mostrato ancora una volta il divario con le aspettative immediate degli attivisti e delle ONG. La riunione «non fermerà il cambiamento climatico», ha detto Johnson questa settimana.

Gli aiuti ai paesi poveri non bastano

Un altro divario è quello tra i paesi ricchi e quelli in via di sviluppo sulla questione del finanziamento. Gli Stati Uniti, in particolare, hanno respinto la richiesta di più di 100 Stati di un meccanismo sui «danni» già osservati a causa del cambiamento climatico. Questo blocco estende il malcontento di questi paesi su quello che chiamano il «debito climatico».

Mentre gliSstati ricchi non hanno rispettato l'impegno di mobilitare 100 miliardi di dollari di fondi pubblici e privati all'anno entro il 2020 per aiutarli, il documento finale prevede solo un meccanismo di «debito climatico».

Il documento finale include solo una richiesta di raddoppiare i finanziamenti per l'adattamento al cambiamento climatico entro il 2025 per coloro che non l'hanno fatto. In ritardo, secondo il WWF. Circa 40.000 persone avranno partecipato a questo COP26 in piena pandemia. Secondo la presidenza britannica della riunione, i casi positivi saranno rimasti bassi.