Yemen: Onu, allarme malnutrizione tra bimbi

ATS

27.10.2020 - 14:17

È allarme malnutrizione in Yemen, in particolare per i bambini sotto i cinque anni (foto simbolica)
Source: KEYSTONE/EPA/YAHYA ARHAB

È allarme malnutrizione in Yemen, in particolare per i bambini sotto i cinque anni.

In alcune parti del Paese uno su cinque è gravemente malnutrito, ha urgente bisogno di cure ed almeno 98.000 bambini sotto i cinque anni sono ad alto rischio di morire senza cure urgenti per malnutrizione acuta grave, hanno ammonito oggi agenzie umanitarie delle Nazioni Unite.

«I dati confermano che la malnutrizione acuta tra i bambini sta raggiungendo i livelli più alti che abbiamo visto dall'inizio della guerra», ha detto Lise Grande, coordinatrice umanitaria per lo Yemen, citata in un comunicato diffuso a Ginevra.

Oltre mezzo milione di casi di malnutrizione acuta di bambini sotto i cinque anni sono segnalati nei distretti meridionali, secondo i dati resi noti dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao), il Fondo Onu per l'infanzia (Unicef), il Programma alimentare mondiale (Wfp/Pam) ed altri partner. I dati per i distretti nello Yemen settentrionale sono ancora in fase di analisi, ma la situazione in queste aree dovrebbe essere altrettanto preoccupante. L'escalation del conflitto e il declino economico, oltre all'impatto travolgente della pandemia Covid-19, ha spinto una popolazione già esausta sull'orlo del baratro, spiega la nota.

Inoltre l'Onu fronteggia una carenza di fondi. Anche i programmi di trattamento della malnutrizione sono a rischio se non si ricevono presto ulteriori fondi, spiega il comunicato. Le Nazioni Unite e i partner hanno bisogno di oltre 50 milioni di dollari per aumentare con urgenza i programmi nutrizionali.

Lo Yemen resta la peggiore crisi umanitaria nel mondo. Quasi l'80% della popolazione (oltre 24 milioni di persone) necessita di una qualche forma di assistenza e protezione umanitaria. A metà di ottobre, l'Onu aveva ricevuto 1,43 miliardi di dollari dei 3,2 miliardi necessari nel 2020.

Tornare alla home page