11/9: l'Fbi ha diffuso altre altre, nessuna novità sui sauditi

SDA

4.11.2021 - 08:06

L'Fbi non sembra avere le prove del coinvolgimento dell'Arabia Saudita nell'attentato.
Keystone

L'Fbi ha diffuso altre centinaia di pagine di nuovi documenti declassificati sull'11 settembre, come aveva ordinato Joe Biden. Ma anche questa volta non aiutano a far luce sul sospetto di un coinvolgimento del governo saudita negli attacchi.

SDA

4.11.2021 - 08:06

Tra le nuove carte rese pubbliche, un memo dell'Fbi in cui si afferma che il Bureau «non ha identificato ulteriori gruppi o individui responsabili per gli attacchi, tranne quelli attualmente accusati».

Gli investigatori non hanno trovato prove sufficienti per accusare nessuna delle tre persone sospettate di aver aiutato i dirottatori dopo il loro arrivo negli Usa, tutti sauditi, tra cui un dirigente diplomatico. Nel memo si sottolinea che Al-Qaida aveva compartimentato i ruoli nei suoi attacchi e «non aveva fatto conoscere i piani in anticipo ad altri» per timore di fughe di notizie.

«Specificatamente, in relazione agli attacchi dell'11 settembre, i dirottatori sapevano in anticipo che era un'operazione martirio, ma ignorarono la natura dell'operazione sino a poco prima dell'attacco per ragioni di sicurezza operativa», si legge. Non è chiaro come l'Fbi sia giunta a questa conclusione dato che tutti i dirottatori sono morti negli attentati.

SDA