Borrell: inorriditi da omicidio Floyd

ATS

2.6.2020 - 12:38

«Tutte le società devono rimanere vigili contro l'eccessivo uso della forza e rispettare i diritti umani», ha detto l'Alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell.
Source: KEYSTONE/EPA/OLIVIER HOSLET / POOL

«In Europa come negli Usa siamo inorriditi e scioccati dall'omicidio di George Floyd», «un abuso di potere che deve essere combattuto negli Usa e altrove».

Lo ha detto l'Alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell.

«Tutte le società devono rimanere vigili contro l'eccessivo uso della forza e rispettare i diritti umani», ha aggiunto. «Ovunque e nelle società che si basano sullo stato di diritto e il rispetto delle libertà, chi è incaricato di proteggere l'ordine pubblico non usi le sue capacità nello stesso modo in cui si è fatto» negli Usa «arrivando a questa infelice morte».

«Siamo d'accordo con il diritto alle manifestazioni pacifiche, condanniamo la violenza ed il razzismo e chiediamo che si eviti un'escalation – ha aggiunto Borrell. Ci auguriamo che gli americani possano riappacificarsi reciprocamente e ripeto che tutte le vite sono importanti, dunque anche la vita della popolazione nera».

Borrell si è espresso criticamente anche su un'altra questione. La partecipazione della Russia dall'allora G8 è stata sospesa, e potrà essere ripresa solo quando ci saranno le condizioni «e questo non è ancora il caso. La prerogativa della presidenza del G7, in questo caso gli Stati Uniti, è di inoltrare gli inviti», che riflettano le priorità della discussione. «Ma cambiare il formato del G7 non è prerogativa della presidenza», ha detto Borrell rispondendo a una domanda in merito all'intenzione del presidente degli Usa Donald Trump.

Tornare alla home page