Integrazione europea della Bosnia-Erzegovina, pieno appoggio di Bruxelles

SDA

21.11.2020 - 16:35

L'Alto rappresentante Ue per la politica estera e di sicurezza Josep Borrell
SDA

Il pieno appoggio di Bruxelles alla prospettiva di integrazione europea della Bosnia-Erzegovina è stato sottolineato oggi a Sarajevo dall'Alto rappresentante europeo per la politica estera e di sicurezza Josep Borrell.

Questi ha invitato al prosieguo delle riforme e ha lanciato un appello a tutte le comunità etniche che compongono il Paese a guardare al futuro e a non rivolgersi esclusivamente al passato.

Borrell è da ieri sera a Sarajevo in occasione del 25mo anniversario dell'Accordo di Dayton (Ohio, Usa), concluso il 21 novembre 1995 e che pose fine alla drammatica guerra di Bosnia (1992-1995).

Ripensare a quello che è accaduto nel passato

«Questa è l'occasione per ripensare a quello che è accaduto nel passato, e per rendere omaggio alle vittime e a tutti coloro che hanno lavorato per la riconciliazione», ha detto Borrell dopo un incontro con i tre membri della presidenza collegiale bosniaca – il serbo Milorad Dodik, presidente di turno della presidenza, il bosgnacco Sefik Dzaferovic e il croato Zeljko Komsic.

Tuttavia, ha aggiunto, i cittadini bosniaci non si devono limitare a rivolgersi al passato ma devono guardare soprattutto al futuro, come fecero gli spagnoli dopo la guerra civile.

«Qui oggi voglio ribadire l'appoggio agli sforzi della Bosnia-Erzegovina nel suo cammino europeo. Non ho lezioni o prediche da fare. Provengo da un Paese che ha vissuto una guerra civile, e la nostra riconciliazione è avvenuta sulla strada verso l'Unione Europea, una riconciliazione avvenuta con lo sforzo comune di tutti», ha affermato Borrell, che è stato in passato ministro degli esteri della Spagna.

La grande importanza dell'Accordo di Dayton

«Sono spagnolo ed europeo e capisco molto bene cosa significhi vivere dopo una guerra distruttiva, poiché il mio Paese ha vissuto una terribile guerra civile dopo una ferrea dittatura. Dopo la guerra la Spagna ha guardato all'Europa e ha lavorato nell'affermazione dei valori democratici», ha affermato.

Lo status di Paese candidato, ha aggiunto, la Bosnia-Erzegovina potrà ottenerlo quando vi saranno progressi in tutti i campi richiesti.

Borrell ha quindi sottolineato la grande importanza dell'Accordo di Dayton, che 25 anni fa pose fine al conflitto garantendo pace e stabilità in Bosnia-Erzegovina. L'alto rappresentante Ue ha incontrato anche esponenti del governo e del parlamento bosniaci, e ha visitato a Sarajevo il Museo dei bambini vissuti durante la guerra.

Tornare alla home page