Cile

Cile, ammissibile denuncia contro Pinera

ATS

7.11.2019 - 17:11

Il presidente cileno Sebastian Pinera.
Source: KEYSTONE/AP/ESTEBAN FELIX

Una corte cilena ha dichiarato ammissibile una denuncia presentata il 4 novembre da avvocati e organizzazioni per i diritti umani contro il presidente Sebastián Pinera per crimini contro l'umanità durante le massicce proteste delle ultime settimane.

Con questa denuncia, la Procura metropolitana del Centro Nord di Santiago ha ordinato la nomina di un procuratore esclusivo per indagare sulle violazioni dei diritti umani commesse dal 18 ottobre, quando è iniziata l'ondata di protesta sociale che scuote il Cile.

Gli avvocati per i diritti umani che hanno presentato la denuncia assicurano che il presidente ha la responsabilità di autore dei crimini contro l'umanità in sua qualità di capo di stato, insieme a tutti i coloro che risultano responsabili come autori, complici e insabbiamenti.

Secondo gli avvocati, dopo la dichiarazione dello stato di emergenza «sono stati commessi omicidi, arresti torture fisiche, mentali e sessuali; abusi sessuali; stupri; arbitraria privazione della libertà in luoghi non autorizzati a tale scopo».

Inoltre, gli avvocati denunciano che ci sono state «detenzioni selettive di persone, detenzioni illegali di persone in circostanze di disobbedienza civile e durante il coprifuoco decretato illegalmente; detenzioni di persone dal proprio domicilio; privazione della libertà fisica senza comunicare informazioni in merito alla sorte e al'ubicazione del detenuto». A ciò si aggiungono «mutilazioni» e «distruzione del bulbo oculare di oltre 150 persone», secondo un comunicato della Scuola medica di Santiago, secondo quanto riferito dalla radio Bío Bío.

Tornare alla home page

ATS