Clima

Clima, la Cina agli Stati Uniti: «Migliorare i rapporti per la cooperazione»

SDA

2.9.2021 - 08:11

L'inviato statunitense per il clima, John Kerry, ieri era in visita a Tianjin. (Immagine d'archivio dello scorso luglio)
L'inviato statunitense per il clima, John Kerry, ieri era in visita a Tianjin. (Immagine d'archivio dello scorso luglio)
Keystone

La cooperazione tra Cina e Stati Uniti sui cambiamenti climatici serve gli interessi di entrambe le parti e del mondo, e gode di ampie prospettive di sviluppo, ma tale cooperazione non può essere sostenuta senza un miglioramento delle relazioni bilaterali.

SDA

2.9.2021 - 08:11

Il ministro degli esteri di Pechino, Wang Yi, nel colloquio in video conferenza avuto ieri con l'inviato americano per il clima, John Kerry, in visita a Tianjin, ha osservato che per i due Paesi «la cooperazione è l'unica scelta giusta e la forte aspettativa della comunità internazionale», in base a una nota diffusa dal ministero degli esteri cinese.

Wang ha notato che i due Paesi «hanno condotto un dialogo e una cooperazione fruttuosi a livello bilaterale e sulle principali questioni internazionali e regionali, inclusi i cambiamenti climatici, offrendo benefici tangibili ai due Paesi e ai due popoli». Per questo, in base ai risultati passati, «due Paesi dovrebbero rispettarsi a vicenda e cercare un terreno comune, mentre accantonano le differenze in modo da raggiungere risultati vantaggiosi per tutti».

Tuttavia, Wang ha addebitato «il grave errore di calcolo strategico da parte degli Stati Uniti» che ha portato all'improvviso deterioramento delle relazioni bilaterali negli ultimi anni. «Ora la palla è nel campo degli Stati Uniti»; ha precisato il ministro, per il quale Washington deve smettere di considerare «la Cina una minaccia e una rivale, a cessare di contenere e sopprimere la Cina in tutto il mondo e ad adottare misure concrete per migliorare i legami».

Wang ha sottolineato che la parte americana ha descritto la cooperazione sul cambiamento climatico come un'"oasi» delle relazioni tra Cina e Stati Uniti. Tuttavia, se l'oasi è tutta circondata da deserti, prima o poi sarà desertificata.

Kerry ha affermato che poiché la cooperazione bilaterale è di vitale importanza per rispondere alla sfida del cambiamento climatico, gli Usa sono disposti a lavorare con la Cina per rafforzare il dialogo, migliorare insieme le ambizioni, dimostrare leadership per soddisfare l'accordo di Parigi. Questo creerà anche opportunità per affrontare le difficoltà legate alle relazioni, ha detto Kerry.

La Cina è l'attuale più grande Paese responsabile delle emissioni di anidride carbonica al mondo, seguita dagli Stati Uniti, che storicamente hanno emesso più di qualsiasi altro paese fino ad oggi. Malgrado Pechino abbia promesso di raggiungere il picco di emissioni di carbonio entro il 2030 e di diventare climaticamente neutro entro il 2060, il Paese continua a dipendere fortemente dal carbone, che alimenta quasi il 60% del suo consumo energetico.

SDA