Record di vittime del COVID-19 in America

ATS

3.4.2020 - 20:53

Un'infermiera americana in prima linea contro il coronavirus.
Source: KEYSTONE/AP/Mike Simons

L'America è sempre più travolta dall'emergenza sanitaria del coronavirus, dalle sue pesanti conseguenze economiche, dalle polemiche sulla mancanza di un ordine di stare a casa in tutto il Paese e dalla carenza di equipaggiamenti medici cruciali.

Già da giorni in testa alla triste classifica mondiale per i contagi, arrivati a quota 258mila, gli Stati Uniti segnano record quotidiani di morti destinati ad essere battuti presto: 1.169 vittime in 24 ore, una cifra che supera il precedente primato italiano di 969 morti del 27 marzo. Ora in totale sono oltre 6.000.

Anche lo Stato di New York, il più colpito con 102.863 casi positivi, ha registrato il suo record di decessi, 526 in 24 ore, un sesto del totale: i cadaveri sono così numerosi che l'amministrazione ha acquistato decine di obitori mobili e ha autorizzato i crematori locali a restare in attività 24 ore su 24.

Persi 701mila posti di lavoro

Numeri cui si aggiungono quelli che arrivano dal fronte economico: nel mese di marzo sono stati persi 701 mila posti di lavoro, il dato peggiore dal maggio del 2009 e che non tiene ancora conto dei 10 milioni di americani che nelle ultime due settimane hanno fatto richiesta di sussidi di disoccupazione.

In questo scenario Anthony Fauci, massimo esperto americano di malattie infettive e membro della task force della Casa Bianca contro il coronavirus, ha rilanciato sulla Fox le conclusioni di alcuni studi scientifici preliminari secondo cui il Covid-19 potrebbe trasmettersi anche quando la gente respira e parla, non solo quando starnutisce o tossisce.

«I lavori di ricerca attualmente disponibili sostengono la possibilità che il Covid-19 possa essere trasmesso dagli aerosol biologici generati direttamente dalla respirazione dei pazienti», ha scritto Harvey Fineberg, presidente della commissione malattie infettive emergenti in una lettera alla Casa Bianca a nome dell'Accademia delle scienze Usa.

Per questo ora la task force americana è sempre più orientata a consigliare a tutti l'uso di una mascherina, anche di tessuto, quando si è in pubblico o ci si avvicina ad altre persone. Anche in questo caso Donald Trump ha voluto dire la sua: «In molti casi è meglio una sciarpa, è più grossa e protegge meglio».

L'uso di maschere improvvisate è stato già raccomandato dai sindaci di New York e di Los Angeles. «Potete usare una sciarpa, una bandana fatta in casa», ha suggerito Bill de Blasio.

Non esiste un lockdown a livello nazionale

Intanto Fauci ha denunciato il fatto che l'ordine di stare a casa non sia stato emanato in tutti gli Stati (ne mancano una decina) e non esista quindi un lockdown a livello nazionale, contraddicendo così Trump, favorevole invece a una maggiore flessibilità a seconda dell'intensità dell'emergenza.

Il presidente, risultato negativo a un secondo test, sta usando più ampiamente la legge di guerra degli anni '50 per aumentare la produzione di respiratori e ha bloccato tutte le forniture di materiale medico agli alleati.

Ma il suo consenso sulla gestione dell'emergenza sta calando: secondo l'ultimo sondaggio condotto da Ipsos, ora la maggioranza degli americani, circa il 52%, disapprova la sua risposta.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS