Guerra

Ecco perché Biden ha subito saputo da dove veniva il missile caduto in Polonia

Monique Misteli

22.11.2022

Immagine d'illustrazione. Un satellite in orbita terrestre bassa impiega circa 90 minuti per fare il giro del pianeta.
Immagine d'illustrazione. Un satellite in orbita terrestre bassa impiega circa 90 minuti per fare il giro del pianeta.
KEYSTONE

Le immagini dallo spazio sono un'importante fonte d'informazioni. Soprattutto in guerra, sono diventate indispensabili e vitali per la sopravvivenza. Un esperto del Politecnico di Zurigo spiega come aiutano i servizi di intelligence.

Monique Misteli

22.11.2022

I satelliti della categoria «Orbita terrestre bassa» orbitano intorno alla Terra tra i 900 e i 2.000 chilometri di altezza. Forniscono immagini nitidissime e sono quindi un'importante fonte di informazioni per la scienza, ma anche per i governi e i servizi di intelligence.

Soprattutto in guerra, le informazioni fornite sono diventate insostituibili. Mostrano l'entità delle distruzioni o dei movimenti di truppe. Ma aiutano anche a chiarire da dove vengono lanciati i missili e che tipo di proiettili potrebbero essere.

Le immagini satellitari avrebbero anche chiarito l'origine dei missili che hanno recentemente colpito l'Ucraina occidentale e la Polonia. Così, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sapeva già la sera stessa che il missile che ha colpito la Polonia era stato quasi certamente lanciato dalla difesa aerea ucraina.

Le immagini satellitari non possono essere utilizzate per calcolare l'esatta altitudine e traiettoria del volo. Tuttavia, possono fornire indizi importanti, come il luogo di lancio e di impatto o il proiettile stesso, spiega Marcel Berni del Politecnico di Zurigo. «Questo ci permette di determinare retrospettivamente in modo abbastanza preciso la provenienza del missile e da chi è stato lanciato», spiega l'esperto militare.

Le immagini satellitari sono ora accessibili a tutti

Un tempo tali immagini dallo spazio erano riservate ai servizi di intelligence e ai circoli governativi più stretti. Classificati come segreti e raramente hanno raggiunto il pubblico.

Grazie alla rivoluzione tecnologica, il settore si è commercializzato nel corso dei decenni. Oggi queste informazioni sono a disposizione di tutti in tutto il mondo. Le più note aziende tecnologiche che gestiscono satelliti nello spazio sono Maxar, Planet e EagleView.

Anche le anomalie di calore osservate dallo spazio possono fornire indizi sui lanci. In questo processo, un satellite fornisce diverse immagini che vengono combinate con quelle di altri satelliti per formare un'unica immagine, spiega Berni.

La risoluzione delle immagini satellitari precise permette di ingrandire un oggetto fino a 30 centimetri. Grazie alla cosiddetta tecnologia SAR, che utilizza raggi a microonde, è possibile effettuare registrazioni anche di notte e in caso di maltempo.

L'elaborazione delle informazioni richiede tempo ed è per questo che le immagini satellitari sono solitamente accessibili al pubblico con un certo ritardo, spiega Berni. Le agenzie governative di intelligence, invece, possono ricevere immagini nitidissime praticamente in tempo reale. Non sono disponibili dettagli più precisi.

Gli Stati Uniti, la Cina, la Francia e il Regno Unito, in particolare, sono leader nell'acquisizione di informazioni satellitari e di conseguenza ne possiedono anche la sovranità, spiega Berni. Per questo motivo, Paesi come l'Ucraina o la Polonia dipendono dallo scambio di informazioni con questi Paesi, oltre alle immagini satellitari accessibili al pubblico.

«Abbiamo urgentemente bisogno di monitorare i movimenti delle truppe russe»

Ne era consapevole anche il vice primo ministro ucraino Mikhailo Fedorov quando, all'inizio della guerra, si rivolse ai governi e agli operatori satellitari in una lettera pubblica: «Abbiamo urgente bisogno di osservare i movimenti delle truppe russe».

In essa ha invitato i leader governativi e militari, così come le aziende tecnologiche private, a fornire «immagini satellitari in tempo reale e ad alta risoluzione» per «salvare vite umane».