In Etiopia proseguono i combattimenti vicino a Makallè

SDA

30.11.2020 - 21:58

In Etiopia le forze di sicurezza regionali del Tigrè starebbero ancora combattendo contro i militari dell'esercito federale nei pressi della capitale tigrina di Makallè, presa dai soldati del governo centrale durante lo scorso fine settimana.
SDA

In Etiopia le forze di sicurezza regionali del Tigrè stanno ancora combattendo contro i militari dell'esercito federale nei pressi della capitale tigrina di Makallè, presa dai soldati del governo centrale durante lo scorso fine settimana.

Lo afferma il leader del partito di governo locale Fronte di liberazione del popolo dei Tigrè (Tplf), Debretsion Gebremichael, riporta BBC Africa aggiungendo che il Tplf afferma anche di aver riconquistato la città di Axum, mentre il governo federale etiope lo ha negato.

Il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha riferito oggi al Parlamento che nessun civile è stato ucciso durante l'offensiva, avviata lo scorso 4 novembre. Abiy ha anche accusato il Tplf di essere dietro a oltre cento conflitti di natura etnica e religiosa negli ultimi due anni.

Impossibile verificare le informazioni

Con l'interruzione delle telecomunicazioni non è possibile verificare in modo indipendente le dichiarazioni di entrambe le parti, spesso in contrasto, ma i corrispondenti parlano del rischio di una guerriglia prolungata.

Le agenzie umanitarie hanno già espresso grande preoccupazione per l'impatto che la guerra sta avendo sulla popolazione civile, con oltre 40.000 persone fuggite in Sudan e altre migliaia di sfollati interni.

Tornare alla home page

SDA