Indaga l'antiterrorismo

Poliziotta accoltellata in Francia, aggressore ucciso

SDA

23.4.2021 - 20:28

Una funzionaria di polizia di 49 anni è stata accoltellata a morte a Rambouillet, nella regione di Parigi. L'aggressore è stato ucciso da altri agenti, riferiscono procura e polizia.

SDA

23.4.2021 - 20:28

L'aggressore, di nazionalità tunisina, è stato ferito a colpi d'arma da fuoco durante il fermo ed è morto. Stando a quanto riferiscono sindacati di polizia citati da BFM-TV, avrebbe gridato Allah Akbar. Aveva 37 anni ed era stato regolarizzato in Francia nel 2019.

I fatti si sono prodotti intorno alle 14.20. Secondo i primi elementi dell'inchiesta, la donna è stata colpita più volte alla gola. Non era una poliziotta impegnata direttamente nel servizio di mantenimento dell'ordine, ma un'impiegata nell'amministrazione, non armata.

Era «una madre di famiglia» e «una collega modello», dicono i poliziotti del commissariato di Rambouillet, città di circa 26'000 abitanti situata ad una sessantina di chilometri a sudovest di Parigi.

La donna era «uscita dal commissariato per fare alcuni acquisti e per aggiornare il disco orario per il parcheggio della sua auto», ha riferito un collega a BFM-TV.

L'inchiesta affidata alla procura antiterrorismo

L'inchiesta è stata affidata alla procura antiterrorismo. L'attentatore «non era schedato fra le persone a rischio radicalizzazione» ed era «incensurato» stando a fonti giornalistiche sul posto. Abitava nella periferia di Parigi e la sua casa viene attualmente perquisita. Lavorava regolarmente facendo consegne a domicilio.

«La Repubblica ha perso una delle sue eroine di tutti i giorni, per un gesto barbaro e di un'infinita viltà»: è il commento del primo ministro francese Jean Castex twittato dopo l'uccisione della poliziotta a Rambouillet.

«Ai suoi familiari – ha scritto il premier – voglio esprimere il sostegno della nazione intera. Alle nostre forze di sicurezza, voglio dire che condivido la loro emozione e la loro indignazione».

«È stata uccisa nel suo commissariato di Rambouillet, sulle terre già colpite delle Yvelines. La Nazione è al fianco della sua famiglia, dei suoi colleghi e delle forze dell'ordine. Nella battaglia ingaggiata contro il terrorismo islamista, non cederemo»: questo invece il tweet del presidente francese Emmanuel Macron, in visita oggi nel Ciad per i funerali del presidente ucciso, Idriss Deby.

SDA