Gerusalemme: circa 3700 manifestanti, almeno due morti

ATS

22.12.2017 - 17:01

Agenti di frontiera israeliani sparano gas lacrimogeni durante le proteste di oggi a Betlemme.
SDA

Circa 1700 manifestanti palestinesi in Cisgiordania e 2000 a Gaza hanno partecipato agli scontri dopo le preghiere nel terzo venerdì di collera indetto dalle fazioni palestinesi dopo la scelta di Trump su Gerusalemme. Negli scontri sono morti almeno due palestinesi.

In entrambe le zone - ha riferito l'esercito - i manifestanti "hanno lanciato bombe incendiarie e sassi": i soldati hanno risposto "con mezzi di dispersione". Inoltre, a Gaza - ha aggiunto - negli "scontri violenti l'esercito ha sparato colpi veri selettivamente nei confronti dei principali istigatori".

Secondo il ministero della Salute, che cita fonti locali, un dimostrante - Zakaria al-Kafarna, 24 anni - è stato "ucciso da un proiettile al petto" negli scontri con l'esercito israeliano nella parte nord di Gaza. Un secondo dimostrante è stato ucciso nei pressi della barriera di demarcazione con Israele. Fonti locali che parlano anche di oltre 40 feriti.

Tornare alla home page

ATS