ONU Guterres: «La tragedia in Libia è l'istantanea del nostro mondo iniquo»

SDA

19.9.2023 - 15:25

Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres
Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres
Keystone

«Derna è una triste istantanea dello stato del nostro mondo: il diluvio di disuguaglianze, di ingiustizie, di incapacità di affrontare le sfide in mezzo a noi».

19.9.2023 - 15:25

Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha iniziato il suo discorso in apertura della 78esima Assemblea Generale citando la tragedia in Libia come condensato delle ingiustizie del mondo moderno.

«Il nostro mondo sta impazzendo, aumentano le tensioni geopolitiche. aumentano le sfide globali, e sembriamo incapaci di unirci per rispondere», ha continuato. «Anche ora mentre stiamo parlando corpi vengono spazzati via dallo stesso mar Mediterraneo dove i miliardari prendono il sole sul loro yacht».

«Il mondo è cambiato, le nostre istituzioni no»

«Il mondo è cambiato, le nostre istituzioni no. È giunto il momento di rinnovare le istituzioni multilaterali basate sulle realtà economiche e politiche del 21mo secolo, ancorate ai principi della Carta Onu e al diritto internazionale. Ciò significa riformare il Consiglio di Sicurezza, ridisegnare l'architettura finanziaria internazionale», ha detto Guterres. «L'alternativa alla riforma non è lo status quo – ha aggiunto – è un'ulteriore frammentazione. È riforma o rottura».

Guterres ha poi sottolineato che «non possiamo affrontare efficacemente i problemi se le istituzioni non riflettono il mondo così com'è. Invece di risolvere i problemi, rischiano di diventare parte del problema».

«E, in effetti, le divisioni si stanno approfondendo, divisione tra potenze economiche e militari, tra Nord e Sud, Est e Ovest», ha continuato, sottolineando che «ci stiamo avvicinando sempre più a una Grande Frattura nei sistemi economici e finanziari e nelle relazioni commerciali, una frattura che minaccia un'unica Internet aperta, con strategie divergenti su tecnologia e intelligenza artificiale, e quadri di sicurezza potenzialmente in conflitto».

«Le riforme sono una questione di potere»

Il segretario generale ha detto poi: «Non ho illusioni. Le riforme sono una questione di potere. So che ci sono molti interessi e programmi contrastanti».

«La democrazia è in pericolo, l'autoritarismo è in marcia, Le disuguaglianze crescono. E l'incitamento all'odio è in aumento», ha poi affermato il segretario generale dell'Onu.

«Come ho detto al G20, è tempo di un compromesso globale – ha aggiunto – La politica è compromesso, la diplomazia è compromesso, una leadership efficace è compromesso. I leader hanno la responsabilità di raggiungere un compromesso nella costruzione di un futuro di pace e prosperità per il nostro bene comune».

SDA