Missionari americani rapiti, c'erano anche dei bambini

SDA

17.10.2021 - 12:19

Le forze di sicurezza di Haiti sono impegnate in una caccia all'uomo per trovare i killer del presidente Jovenel Moise, ucciso ieri mattina con 12 colpi nella sua casa. Il governo ha annunciato l'uccisione di quattro persone e l'arresto di altri membri del commando.
Immagine d'illustrazione
Archivio KEYSTONE/EPA

Sono almeno 15, forse 17, le persone rapite ieri, sabato con le loro famiglie ad Haiti, appena fuori dalla capitale, da una banda criminale e del gruppo farebbero parte anche diversi bambini.

SDA

17.10.2021 - 12:19

A quanto si è appreso, a compiere il rapimento è stata la «400 Mawozo», una banda armata che da mesi imperversa nella zona tra Port-au-Prince e il confine con la Repubblica Dominicana con furti e rapimenti di cittadini statunitensi ma anche haitiani.

I missionari e le loro famiglie stavano tornando da una visita a un orfanotrofio a circa 30 chilometri a est di Port-au-Prince quando il loro autobus è stato fermato dai malviventi, che li hanno costretti a scendere.

Dall'inizio dell'anno ad Haiti si sono registrati oltre 600 rapimenti rispetto ai 231 dello scorso anno, secondo le organizzazioni umanitarie. Il Paese sta anche attraversando una crisi senza precedenti dopo l'uccisione del presidente Jovenel Moïse a luglio, che ha gettato il Paese nell'incertezza politica, e il forte terremoto del mese seguente.

SDA