Hong Kong

Hong Kong: Carrie Lam non correrà per un secondo mandato

SDA

4.4.2022 - 08:06

Carrie Lam non si ripresenta per la carica di governatrice di Hong Kong.
Keystone

La governatrice Carrie Lam ha annunciato che non si ripresenterà alla guida di Hong Kong.

SDA

4.4.2022 - 08:06

L'annuncio è stato fatto quando sono iniziate le operazioni che vedranno il comitato pro-Pechino selezionare a maggio un nuovo leader, con un ritardo di due mesi sulla tabella di marcia per la pesante ondata di Covid-19.

«Completerò il mio mandato di cinque anni alla guida della città il 30 giugno e concluderò ufficialmente i miei 42 anni di carriera nel governo locale», ha affermato Lam in conferenza stampa. Ieri il Sing Tao Daily ha riportato che il segretario capo John Lee Ka-chiu, il numero due del governo, parteciperà alla corsa da governatore.

Lam ha riferito che i leader cinesi «hanno compreso e rispettato» la sua scelta, aggiungendo di aver informato Pechino delle sue intenzioni a marzo 2021. Ora, ha continuato, «i mieri desideri e le mie aspirazione personali sono interamente basati sulle considerazioni familiari. Devo mettere al primo posto i miei familiari e loro sentono che è ora che io torni a casa».

Burocrate di carriera, Lam, 64 anni, è diventata la prima donna leader di Hong Kong nel 2017 dopo essere stata votata dal piccolo comitato pro-Pechino che seleziona la posizione, dopo aver cominciato a lavorare per la città già sotto il controllo britannico. La sua uscita chiude uno dei capitoli più controversi della storia di Hong Kong che ha visto Pechino aumentare la stretta sui territori in risposta alle proteste di massa del 2019 a favore della democrazia e una risposta alla pandemia che ha fatto precipitare la città nell'isolamento internazionale.

La posizione del leader cittadino non è eletta dal popolo, una delle richieste principali delle rivendicazione per una svolta democratica, ma è selezionata da un comitato pro-Pechino composto da circa 1.500 membri.

La prossima designazione avverrà l'8 maggio, ma finora nessuno con una prospettiva realistica ha pubblicamente lanciato la propria candidatura: il segretario capo, il numero due del governo locale, John Lee (64 anni), che ha un passato nei servizi di sicurezza, è stato indicato dalla stampa locale come un possibile contendente. Lam ha riferito di non aver ancora ricevuto le dimissioni dai suoi ministri, un passo richiesto prima di correre. Secondo l'emittente TVB, Lee lascerà a breve la carica alla quale era stato promosso nel 2021 con una mossa che secondo alcuni analisti segnalava le priorità di Pechino per la città legate alla sicurezza piuttosto che alla finanza o all'economia.

Lam ha anche ringraziato Pechino per il suo sostegno e fiducia e ha affermato che il suo mandato è stato influenzato da «pressioni senza precedenti» a causa delle proteste del 2019 e della pandemia di Covid-19, la cui ultima ondata di variante Omicron ha infettato più di un milione dei 7,4 milioni di residenti dell'ex colonia britannica.

SDA