«I morti sono cremati senza che la famiglia abbia la possibilità di dire addio»

Sven Hauberg

23.5.2021

Come qui, in un sobborgo di Bangalore, migliaia di morti di Covid vengono bruciati ogni giorno in India.
Come qui, in un sobborgo di Bangalore, migliaia di morti di Covid vengono bruciati ogni giorno in India.
KEYSTONE

In India il Covid imperversa, uccidendo migliaia di persone ogni giorno. «Il governo ha completamente fallito», dice un giovane indiano che è stato infettato lui stesso.

Sven Hauberg

23.5.2021

Per Bhargav Sama avrebbero dovuto essere i giorni migliori della sua vita. Il 29enne, che lavora come ingegnere meccatronico in Germania, era volato in India qualche settimana fa per sposare la sua fidanzata. Ma si è trovato nel mezzo del disastro del Sars-CoV-2, che ha tenuto il paese saldamente nella sua morsa per settimane.

«Penso che sia iniziato all'aeroporto di Nuova Delhi», dice Sama a «blue News» in una conversazione su Skype. Vi ha fatto una sosta di otto ore prima di volare a Hyderabad. Dalla metropoli con milioni di abitanti al centro dell'India avrebbe dovuto proseguire verso il Golfo del Bengala, fino alla sua città natale di Kakinada. Ma già a Hyderaband Sama ha notato i primi sintomi e sentito una leggera febbre. Un test ha confermato che aveva contratto il Covid. «All'aeroporto di Delhi - dice - la gente era ammassata nel terminal e i tavoli del ristorante non erano puliti».

Sama è andato in isolamento e dopo una settimana ha sviluppato tosse e mal di gola. «Sono andato all'ospedale, ma mi hanno mandato via», dice. «Hanno detto: 'Solo quelli con meno del 90% di ossigeno nel sangue saranno ammessi'». Si è recato al pronto soccorso solo quando anche il suo livello di ossigeno era basso. È rimasto in ospedale per una settimana. Da allora si è ripreso.

«Il governo ha completamente fallito»

Più di 276'000 nuove infezioni in 24 ore sono state segnalate l'ultima volta dal Ministero della salute indiano. I numeri rappresentano un leggero calo rispetto a qualche settimana fa. Ma in realtà, secondo gli esperti, i numeri sono probabilmente molto più alti di quanto dichiarato ufficialmente. All'inizio del 2021 l'India sembrava aver superato la crisi quasi indenne. Ma in aprile, i numeri sono improvvisamente aumentati ed è diventata l'epicentro della pandemia nel mondo.

Una propagazione così massiccia è solo in parte spiegabile con la nuova variante locale del virus. È stata in particolare l'ingannevole sicurezza in cui molti si sono cullati. Fino ad aprile le mascherine erano raramente indossate nelle strade. Gli indù devoti, inoltre, hanno celebrato feste religiose di massa come il Kumbh Mela, che ha riunito centinaia di migliaia di persone poche settimane fa. Folle enormi si sono poi anche radunate ai comizi elettorali.

Bhargav Sama
Bhargav Sama
zVg

Bhargav Sama, 29 anni, lavora come ingegnere meccanico ed elettronico in Germania. È tornato in India per sposarsi, ma ha contratto il Covid-19. 

«Il governo ha completamente fallito», ritiene Sama: «Anche quando c'erano 300'000 casi al giorno, non ha imposto alcuna restrizione». Recentemente, però, le misure per combattere il virus sono diventate più severe. Nella sua città natale, Kakinada, la gente ora può fare acquisti solo dalle sei del mattino a mezzogiorno, spiega Sama. La conseguenza diretta è che ora le persone si affollano tutte nei negozi al mattino. «Questo non farà certamente scendere i numeri».

Molte infezioni, poche vaccinazioni

Anche la campagna di vaccinazione procede a rilento. Mentre ad aprile sono state iniettate circa 4 milioni di dosi al giorno, il numero è recentemente sceso a 1,2 milioni. «La curva delle vaccinazione contro il Covid diminuisce molto più velocemente della curva di infezioni o decessi in India», scrive su Twitter l'epidemiologo Bhramar Mukherjee. Solo circa il 3% degli 1,3 miliardi di indiani è considerato completamente vaccinato. In Svizzera ce ne sono circa cinque volte di più.

Chiunque sia stato infettato dal virus in India e si ammali gravemente ha bisogno di avere delle conoscenze per ottenere un letto d'ospedale, dice Bhargav Sama. Il nosocomio di Hyderabad, dove è stato curato, è uno dei migliori del Paese. Tuttavia, neanche qui c'era una capacità di trattamento sufficiente. «La gente aspettava un letto libero davanti all'ospedale, spesso invano», dice.

«L'hanno appena bruciato»

Anche il nonno della sua fidanzata, un uomo sulla settantina, ha contratto il virus. Quando è peggiorato, hanno cercato di farlo curare. «Hanno chiamato molti ospedali e amici influenti, ma non sono riusciti a trovare un letto con un ventilatore», racconta Sama. «Dopo qualche giorno è morto». Se fosse stato connesso a un respiratore Sama crede che il nonno della sua futura moglie oggi sarebbe probabilmente ancora vivo.

L'India sembra irrimediabilmente sopraffatta non solo con i molti malati, ma anche con i molti morti: «I corpi vengono bruciati senza che i parenti possano dire addio», dice Bhargav Sama. «Nemmeno noi siamo riusciti a salutare il nonno della mia fidanzata, l'hanno appena bruciato».

Non si vede la fine della crisi. Solo mercoledì, il Ministero della salute indiano ha riportato 4'529 morti in un giorno, molto più di qualsiasi altro paese durante l'intera pandemia.