Proteste

Il Sudan sfida i militari e torna in strada

ATS

30.6.2019 - 19:36

Proteste a Khartoum
Source: KEYSTONE/AP/HUSSEIN MALLA

Il Sudan che reclama democrazia e governo affidato ai civili è tornato a manifestare nella capitale Khartum e in altre città del Paese.

È passato meno di un mese dopo la strage durante la dispersione del sit-in davanti al quartier generale delle forze armate che in aprile hanno spodestato il trentennale autocrate Omar al-Bashir.

Ci sono state cariche delle forze dell'ordine con lancio di lacrimogeni, manganellate e anche spari che hanno causato almeno un morto e un paio di feriti.

In serata la tensione a Khartum era ancora alta sulla scorta di segnalazioni relative a ponti sul Nilo chiusi dalle forze di sicurezza per impedire che i manifestanti potessero avvicinarsi troppo al palazzo presidenziale che fu di Bashir.

Il rischio è rappresentato da numerose milizie che operano (e sparano) in maniera semi-indipendente rispetto all'esercito, il cui quartier general peraltro è stato la meta di un corteo.

Le stime sulla partecipazione ai cortei indetti nel 30/o anniversario del golpe che portò al potere l'ormai deposto presidente sono di almeno «decine di migliaia» di persone anche se gli organizzatori avevano dichiarato di voler portare in strada di nuovo un milione di persone a Khartum.

Tornare alla home page

ATS