In Francia negozi e mercati possono riaprire dall'11 maggio

ATS

28.4.2020

Il premier francese Edouard Philippe
archivio Keystone

Ad eccezione di caffè, bar e ristoranti, in Francia tutti i negozi e mercati all'aperto o coperti potranno riaprire dall'11 maggio a condizione che siano in grado di garantire il rispetto delle misure sanitarie per debellare il coronavirus

È quanto annunciato dal premier Edouard Philippe, illustrando le misure legate all'ingresso della Francia nella fase 2 della lotta al Covid.

"I mercati, per cui il divieto è la regola e l'autorizzazione l'eccezione, saranno in generale autorizzati, solo se i sindaci o i prefetti ritengono di non essere in grado di far rispettare" le norme di sicurezza, ha spiegato il premier intervenendo all'Assemblea Nazionale.

Potranno riaprire al pubblico anche i negozi di beni cosiddetti non essenziali, ma "ognuno dovrà rispettare una serie di rigidi obblighi, per limitare il numero di persone" presenti nel negozio, organizzare "i flussi" di entrata ed uscita, e rispettare il distanziamento di minimo un metro.

Mascherine raccomandate

Le mascherine sono raccomandate sia per il personale sia per i clienti "quando le misure di distanziamento fisico non possono essere garantite", precisa il braccio destro di Emmanuel Macron. I commercianti potranno impedire a chi ne è sprovvisto di accedere al loro negozio.

Quanto ai centri commerciali - ha puntualizzato Philippe - i "prefetti potranno decidere di non aprire, oltre i reparti alimentari già aperti", quelli di oltre 40.000 metri quadri che secondo Parigi rischiano di suscitare spostamenti e contatti non necessari.

Quanto alla riapertura di bar, caffè e ristoranti - che resteranno rigorosamente chiusi anche dopo il lockdown dell'11 maggio - si deciderà prima di fine maggio.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page